Pierpaolo Bisolli con la blusa del Cesena calcio

Chi lo ha se lo tiene stretto, chi vorrebbe averlo lo sogna, ci riferiamo a un allenatore abituato a capire come fare scendere in campo i propri calciatori e come si “legge” una partita in corso d’opera. Quello è un tecnico diverso da tutti gli altri, in qualsiasi categoria.

Questo è mancato prima nel Martorano politico trasformato dalle ceneri dell’ A.C. Cesena Spa e poi con l’arrivo degli americani. Un allenatore non può essere privo di idee, deve avere fame più dei suoi ragazzi e non può per tutta una intera gara rivolgersi al suo vice. Chi va in panchina deve avere carattere da vendere e non essere indebolito dalle sue stesse paure. Se poi perdi il pentimento non lo puoi avere, devi solo cambiare aria per tentare nuove impennate dialettiche di ciò che pratichi per essere pagato profumatamente.

Viali, in questi due anni di Cesena era stato circondato dal silenzio del covid e ha avuto la possibilità di lavorare in pace per dare una risposta di maturità a se stesso e all’ambiente. Purtroppo il progetto non ha funzionato perchè non c’è mai stata una inossidabile sicurezza nei propri mezzi e nemmeno nello staff tecnico, quel reparto fondamentale nel calcio moderno per non fare genuflettere le gambe di chi va in battaglia.

Per allenare una rosa di serie C non si ha bisogno di rivelazioni universali, di dimostrazioni tanto pubbliche, basta avere una tendenza, una visione di gioco a zona e dare ai propri ragazzi, soprattutto se giovani, spazio, forza e volontà per sostenere ritmi alti. Nelle categorie inferiori ci sono più muscoli e polmoni che fenomeni mondiali.
Se non si è in grado di mettere in atto queste esigenze per vincere fino alla fine, allora viene evidenziata la debolezza di chi allena ed esplode l’inquietudine, la delusione.

Adesso, non domani, ora, subito, visto che il grande pubblico dovrà ancora vivere la “pugnetta” della serie C, i due presidenti sono chiamati a nominare un direttore sportivo che conosce bene l’ambiente per portare in riva al Savio un allenatore che abbia la giusta personalità da trasmettere a quei giocatori che rimarranno e arriveranno con la consapevolezza che se vesti la maglia del Cesena devi sapere sempre in che modo si stira!

Il Direttore editoriale Carlo Costantini – Foto

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui