I parlamentari del Regno Unito apriranno una vertenza e voteranno i piani del Governo per introdurre il divieto di fumo che mira a impedire ai giovani di fumare. Il disegno di legge, già anticipato nel 2023 primo ministro, Rishi Sunak, se reso attivo, renderebbe illegale la vendita di prodotti del tabacco a chiunque sia nato dopo il 1° gennaio 2009.

La misura avrebbe il sostegno del partito laburista all’opposizione e si prefigge che potrebbe essere messo in atto. Sunak comunque dovrà affrontare la ribellione di alcuni membri del suo partito, che hanno criticato le proposte come “non conservatrici“. Il primo dibattito oggi alla Camera dei Comuni si prefigura quindi come molto infuocato.

La crociata salutista del primo ministro conservatore comprende anche la messa al bando delle sigarette elettroniche usa e getta in quanto potenziali “trappole” per bambini e ragazzi, ma è stata fortemente criticata dalla destra e si vocifera di una possibile rivolta contro il provvedimento, chiamato “Tobacco and Vapes Bill“.

L’iniziativa di Sunak è volta a innalzare ogni anno di un anno il limite di età per l’acquisto di sigarette classiche, in modo da arrivare ad avere una generazione libera dal fumo e da tutte le sue conseguenze per la salute.

Secondo i dati pubblicati dall’esecutivo, quattro fumatori su cinque hanno iniziato prima dei 20 anni e rimangono dipendenti per il resto della vita.

Boris Johnson, ha definito l’iniziativa “semplicemente folle”, mentre la ex premier Liz Truss ha parlato però di un provvedimento contrario allo spirito dei conservatori: “Siamo un paese libero. Non dovremmo essere noi a dire alla gente di non fumare“.

Il Direttore editoriale Carlo Costantini – Foto Imagoeconomica
Il Direttore Editoriale Carlo Costantini

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui