E’ passato alla storia per avere inventato il “Big Mac”: a 98 anni di età, è morto Jim Delligatti nella sua casa di Pittsburgh.

In una dichiarazione McDonald’s ha celebrato Delligatti definendolo “una leggenda”. La storia ebbe inizio nel 1967, quando Jim era direttore di un McDonald’s a Uniontwon, in Pennsylvania: un giorno, decise che i suoi clienti avessero bisogno di hamburger più grandi. Fece presente la questione ai manager della catena, i quali gli diedero totalmente carta bianca a patto che usasse ingredienti che erano già nel ristorante. Fu così che da un’idea semplice ma geniale, nacque il panino diventato poi il simbolo del fast food. Un anno dopo, il “Big Mac” era già stato inserito nel menu dei locali in tutti gli Stati Uniti.

Quando il super-panino compì 40 anni, McDonald’s calcolò di venderne 550 milioni l’anno, circa 17 al secondo. Di quei panini da 540 calorie l’uno Jim ha continuato a nutrirsi per tutta la sua vita, “almeno una volta alla settimana”, ha raccontato il figlio Michael. “Gli chiedevano spesso perché lo avesse chiamato ‘Big Mac’. Rispondeva sempre che il suono lo faceva ridere…”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui