*LA VITA È UNA GIOSTRA.* 
Sembra che la vita sia una giostra, una di quelle che girano veloci e ti portano su e giù, con momenti di euforia che si alternano a quelli di paura *. È come se ci sedessimo su un cavallo di legno che galoppa senza sosta, senza che possiamo controllarne la velocità.
A volte sembra che tutto vada al contrario, che il mondo giri troppo velocemente intorno a noi e che ci aggrappiamo con tutte le nostre forze per non cadere* . *Ma esistono anche dei momenti di maggior confusione, c’è sempre quella voce dentro di noi che ci dice di resistere, di non arrenderci mai, saremmo come l’ acqua di uno stagno.* E così, mentre la giostra della vita continua a girare, impariamo ad apprezzare i momenti di calma, quando la musica rallenta e possiamo guardare intorno al mondo con occhi nuovi. *Sono quei momenti in cui ci rendiamo conto che la vita non è solo una corsa, ma anche una danza, un insieme di movimenti armoniosi e imprevisti. Quando la giostra accelera o quando sembra che il destino prenda strade misteriose,* continuiamo a tenere saldo il manubrio, perché alla fine di ogni corsa c’è sempre la promessa di una nuova avventura. *E così sarà fino all’ ultimo giro di vita.*
I *GIOVANI SONO CAMBIATI.* 
Riflettendo  sui cambiamenti che ho osservato nei giovani nel corso degli ultimi trent’anni, è incredibile quanto le cose siano mutate e come le generazioni più giovani si siano adattate a un mondo in costante evoluzione.
Solo vent’anni fa, l’accesso all’informazione era molto diverso. *Non avevamo i social media o gli smartphone che semplificano così tanto la comunicazione e la condivisione di idee.* Internet era ancora una novità, e la sua potenzialità non era così chiara come lo è ora. I *giovani di allora, avevano modi diversi di trascorrere il tempo libero e di interagire con il mondo.*
Oggi, invece,  i giovani si  immergono nelle sfide e nelle opportunità di un mondo altamente tecnologico avanzato. *I social media hanno cambiato radicalmente il modo in cui si connettono e si esprimono.* Le loro vite sono documentate e condivise in modi che un tempo erano impensabili. C’è una consapevolezza globale più ampia, grazie alla facilità con cui possono accedere a informazioni da tutto il mondo.
Ma non sono solo i mezzi tecnologici a fare la differenza. I *giovani sembrano anche più consapevoli di tematiche come l’ambiente, l’uguaglianza di genere e i diritti umani.* Si impegnano attivamente per portare cambiamenti positivi nella società, e ciò mi riempie di speranza per il futuro.
Tuttavia sono consapevoli dei problemi che affrontano ora e nel futuro: l’ insicurezza economica, la pressione sociale e le aspettative sempre più alte possono pesare sui loro cuori e menti. *È un mondo troppo competitivo in cui sono cresciuti, e spesso  lottano per trovare un equilibrio tra le aspettative della società e la ricerca di autenticità e felicità personale.*
Li vediamo insicuri , infelici, una generazione che abbraccia la diversità, l’innovazione e la consapevolezza globale. *Giovani dobbiamo lottare contro le ingiustizie e la pace.*
A cura di Paolo Gabellini – Foto ImagoEconomica 
Redazione IL POPOLANO

La Cesenate

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui