Sembra ormai chiarito il mistero della scomparsa della giovane studentessa cinese Zhang Yao, sparita a Roma lunedì scorso.

Sebbene manchi ancora il sigillo dell’ufficialità, gli inquirenti sembrano nutrire pochi dubbi: oggi a Roma è stato infatti ritrovato un cadavere appartenente ad una giovane donna e si tratterebbe proprio di Yao. Sarebbe stato un cittadino a dare indicazioni utili per il ritrovamento del corpo.

Secondo una prima ricostruzione, la ragazza avrebbe inseguito i ladri che le avevano rubato la borsa con dentro le chiavi di casa e sarebbe tragicamente finita sui binari e investita da un treno in transito.

Sembra che le immagini delle telecamere di videosorveglianza di un’azienda della zona abbiano ripreso Zhang Yao mentre rincorreva qualcuno. La studentessa era arrivata in Italia a marzo con una borsa di studio.

Venti anni, figlia di un piccolo imprenditore originario della Mongolia, frequentava l’Accademia di Belle Arti di via Ripetta: gli investigatori hanno ascoltato i suoi amici per capire se la giovane potesse essere stata vittima di un sequestro anomalo, poi nella notte la tragica scoperta.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui