Aveva deciso di aggredire e di investire alcune ragazze a causa dei rapporti conflittuali e dei litigi che le stesse avevano avuto con sua figlia.

Questa la motivazione, secondo gli inquirenti, che ha spinto una donna 40enne con precedenti, residente nell’hinterland di Aversa (Caserta) ad aggredire le amiche della figlia con una spranga e poi a tentare di ucciderle investendole, con la sua auto, mentre in gruppo passeggiavano sul marciapiede.

L’episodio è accaduto nella tarda serata dello scorso 6 settembre a Casal di Principe, in provincia di Caserta, dove la Polizia di Stato, che era sul posto, ha individuato, inseguito e bloccato la donna che adesso è in attesa dell’udienza di convalida nel carcere femminile di Pozzuoli (Napoli).

Dalle indagini della Polizia di Stato di stanza nella vicina Casapesenna, coordinate dalla Procura di Napoli Nord, è emerso il movente del grave gesto che ha spinto gli inquirenti a ritenere sussistente il pericolo di fuga e quindi a disporre nei confronti dell’indagata un provvedimento di fermo per il reato di tentato omicidio pluriaggravato.

A cura di Elena Mambelli – Foto Imagoeconomica

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui