Una dottoranda 35enne, Nasrin Ghadri, che studiava filosofia a Teheran, è morta dopo essere stata picchiata con un manganello dalle forze di sicurezza durante le proteste del venerdì. E’ entrata in coma e poi è morta, proprio come la 22enne curda Mahsa Amini, rea di non aver indossato correttamente il velo.

La sua morte ha innescato un’ondata di proteste senza precedenti al grido di “morte a Khamenei“. Da testimonianze raccolte in alcuni video diffusi sui social, la polizia ha usato il pugno duro sparando sui dimostranti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui