TOP Header adv (728×90)

F1 SILVERSTONE ANCORA HAMILTON

Pochi sussulti e molta noia, poi dal penultimo giro si scatena il finimondo, con pneumatici (nello specifico l’anteriore sinistra) che cedono uno dietro l’altro: prima quello di Valtteri Bottas, poi tocca a Carlos Sainz, infine a Lewis Hamilton.

Il pilota iridato della Mercedes arriva praticamente su tre ruote, che comunque vince in modo incredibile il Gran Premio di Gran Bretagna, dietro di lui Charles Leclerc con la rossa di Maranello che conquista a sorpresa il secondo podio stagionale dopo aver galleggiato per tutta la gara al quarto posto, lontano dai primi, ma a distanza di sicurezza dai piloti alle sue spalle.

Per il monegasco, comunque, un weekend positivo: ha fatto il massimo di ciò che poteva e forse anche qualcosa in più, considerato il passo ancora abbastanza lento della Rossa. Clamoroso come detto quanto accaduto a Silverstone, dove nel finale la Mercedes buca due gomme su entrambe le monoposto dopo aver dominato il Gp.

Hamilton, a fatica, conserva la prima posizione davanti alla Red Bull di Verstappen (secondo) che in maniera beffarda torna ai box per una nuova sosta e tenta inutilmente un disperato recupero finale mentre Lewis arranca a poche curve dalla fine.
Paga invece dazio il finlandese Bottas – che partiva in pole ma viene superato al via dal compagno -, il primo a veder esplodere la sua anteriore sinistra retrocedendo in un lampo dalla seconda all’undicesima piazza.

Ringrazia Leclerc che si ritrova sul terzo gradino del podio, dietro di lui Ricciardo, Norris, Ocon, Gasly, Albon, Stroll e l’altro ferrarista Vettel, decimo e protagonista di una prova anonima con la vettura mai in grado di compiere un sorpasso.
Fine settimana da dimenticare per il tedesco, che venerdì aveva saltato le libere e anche in qualifica aveva accusato dei problemi.

Da segnalare due safety car in pista: al 1° giro per un contatto Albon-Magnussen con il danese contro le barriere, e al 13° giro a causa dell’incidente di Kvyat. Non classificato Nico Hulkenberg: il teutonico, chiamato a sostituire Perez positivo al Covid-19, ha avuto un problema alla power-unit della sua Racing Point che non gli ha permesso di partecipare al gran premio.

Il Direttore editoriale Carlo Costantini – Foto Getty Images

Articoli correlati

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *