L’ipotesi delle dimissioni anticipate del governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco “non è all’ordine del giorno”.

E’ quanto fanno sapere dalla Banca d’Italia a seguito delle notizie, diffuse dal quotidiano Il Foglio, di dimissioni a ottobre, in anticipo di un anno rispetto alla scadenza del mandato nell’ottobre del 2023.

Secondo quanto ha scritto il quotidiano il Foglio che cita alcune fonti non precisate, le dimissioni anticipate di Visco andrebbero collocate “all’interno di uno specifico schema di gioco condiviso delle più importanti istituzioni del Paese” che preveda “la necessità di utilizzare i prossimi mesi che ci separano dalla fine della legislatura” nella primavera del 2023 per “irrobustire la spina dorsale del paese e mettere l’Italia in sicurezza” e “tenere saldi gli argini dell’anti populismo“.

A cura di Renato Lolli – Foto Imagoeconomica

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui