President Donald J. Trump, President of the United States of America

La Trump Organization ha ricevuto una multa da 1,6 milioni di dollari per frode fiscale. La società è stata condannata per 17 reati tra cui associazione a delinquere e falsificazione di documenti aziendali. “La vastità di questa frode merita la più grande sanzione finanziaria autorizzata dalla legge“, ha sostenuto l’assistente procuratore distrettuale Joshua Steinglass durante la lettura della sentenza.

Secondo l’accusa, la società dell’ex presidente Usa ha frodato il fisco per 15 anni, nascondendo i compensi che venivano elargiti ai suoi top manager in forma di benefit, come auto e alloggi di lusso.

L’importo imposto dal giudice di New York Juan Manuel Merchan è pari al doppio delle tasse evase da alcuni dirigenti dell’azienda. Né l’ex presidente né i suoi figli erano coinvolti nel processo e Trump ha negato di essere a conoscenza delle frodi.

L’importo della multa, inferiore al costo di un appartamento alla Trump Tower, sebbene non sia abbastanza elevato da avere un impatto sulle operazioni o sul futuro della società, ha un valore più che altro simbolico ed è e un brutto colpo alla reputazione del tycoon nel momento in cui sta cercando di far ripartire una campagna per riguadagnare la Casa Bianca.

In una dichiarazione rilasciata dopo la sentenza, la Trump Organization ha affermato di non aver fatto nulla di male e che avrebbe fatto appello. “Questi pubblici ministeri politicamente motivati ​​non si fermeranno davanti a nulla pur di colpire il presidente Trump e continuare l’infinita caccia alle streghe iniziata il giorno in cui ha annunciato la sua presidenza“, ha concluso.

A cura di Elisabetta Turci – Foto Imagoeconomica

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui