Circa 300 persone stanno protestando davanti alla sede della Consob contro il decreto Salva-banche e la mancata vigilanza esercitata dall’Autorità di controllo dei mercati.

La manifestazione è stata organizzata da Adusbef, Federconsumatori, e dal Comitato vittime del Salva-banche e vi hanno preso parte anche rappresentanti del Codacons, esponenti del Movimento Cinquestelle e della Lega Nord.

I manifestanti stanno urlando la loro rabbia al grido comune di “ladri, ladri”, con striscioni che paragonano le banche all’Isis e attacchi agli organi di vigilanza. Tale protesta arriva dopo i due sit-in organizzati a dicembre davanti alla Camera e alla Banca d’Italia. Oggi, i manifestanti vogliono consegnare un Oscar alla Carriera ironico al presidente della Consob Giuseppe Vegas, colpevole della mancata vigilanza.

Rosario Trefiletti, presidente di Federconsumatori, ha però precisato che “non vogliamo essere ricevuti, vogliamo solo che vadano in galera”. Mentre il presidente di Adusbef, Elio Lannutti, ha spiegato perché “la protesta continua fino a quando non ci sarà un rimborso integrale. Vegas deve andare a casa perché da quando è arrivato nel 2011 ha smantellato la trasparenza e ha fatto vendere i bond da banco”. “Vogliamo sapere – spiega in una nota la Federconsumatori – dov’era la Consob mentre tutto questo accadeva, mentre i risparmi dei cittadini prendevano il volo. Chiediamo che tutti i responsabili, gli autori materiali, ma anche chi non ha vigilato a dovere, sia punito”.

“I cittadini – si legge sempre nella nota – hanno diritto a vedere rimborsate le somme che hanno perduto a causa della scorrettezza dei comportamenti delle banche e della ‘distrazione’ delle autorità che avrebbero dovuto vigilare. Non ci accontenteremo di soluzioni parziali e insoddisfacenti ‘contentini’. L’obiettivo che vogliamo raggiungere non è solo quello di veder risarcite tutte le vittime, ma anche far sì che quanto accaduto non possa più ripetersi, grazie ad una vera ed attenta vigilanza, nonché all’adozione di normative e provvedimenti efficaci per superare l’asimmetria informativa tra chi investe e chi propone l’investimento”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui