Non doveva nemmeno giocare, per un problema alla mano, il Pipita invece, dopo un tempo, è l’uomo decisivo della sfida del San Paolo. 5 gol tra campionato e Coppa Italia. I tifosi partenopei lo fischiano e lui risponde con la rete dell’1-0, al minuto 13, su assist di Dybala.

Quella del San Paolo è stata la notte di Gonzalo Higuain. El Pipita, nonostante il problema alla mano, ha siglato il goal decisivo che ha permesso alla Juventus di vincere sul campo del Napoli e portarsi a -1 in classifica dai partenopei.
In primis l’argentino ha voluto chiarire il suo sfogo social pre-partita contro gli ‘haters’ contenti per il suo infortunio. “Qualche volta va bene dire quello che si pensa e che si sente. Ognuno è libero di dire la propria: c’è chi mi vuole male e chi mi sostiene sempre. L’operazione è stata una cosa difficile da decidere, ma era la cosa migliore da fare per la mia salute e per essere presto a disposizione perchè sapevamo quanto fosse importante questa partita”.
Contento della scelta di Allegri di mandarlo in campo dal primo minuto. “Il mister ha deciso di buttarmi dentro, ho cercato di dare il meglio. Non ero al 100% ma per fortuna abbiamo vinto una partita complicata contro una grande squadra. Sono tre punti fondamentali per il campionato”.
L’esultanza ‘alla Toni’ e la mano alla fronte avevano come destinatario il suo ex presidente, Aurelio De Laurentiis . “A me piace parlare coi goal. Esultanza? Non l’ho visto De Laurentiis, forse si è nascosto e non l’ho trovato. Coi compagni ho un bel rapporto, ho vissuto tre anni con loro e abbiamo una bella amicizia”.
Solo elogi invece per il suo ex maestro, Maurizio Sarri. “Sarri? L’ho detto prima che la mia amicizia con Sarri va al di là del calcio, mi ha fatto migliorare come sta facendo Allegri.
Ogni allenatore cerca di prendere il meglio da me. A Maurizio auguro una grande carriera, chissà che in futuro non potremo ritrovarci in un altro club.
Ingiusti alcuni cori? Guarda, il mio pensiero sui tre anni che ho vissuto a Napoli non cambierà mai. Mi possono insultare o fischiare, ma qui ho amici ed ho vissuto anni bellissimi”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui