hebdo

La copertina del nuovo numero di Charlie Hebdo raffigura un cane con in bocca il giornale che viene inseguito da alcune caricature fra l’umano e il canino di Nicolas Sarkozy, Marine Le Pen, Papa Francesco e un jihadista, rappresentato come un grosso lupo nero con un kalashnikov in bocca. Sfondo rosso, disegni neri e il titolo “C’est reparti!” (si ricomincia).

Questo numero è il secondo dopo l’attentato del 7 gennaio, e sarà in edicola da mercoledì in 2,5 milioni di copie. Trovare dei nuovi vignettisti è stato complicato. In molti hanno rifiutato, altri hanno chiesto di firmare con un altro nome. Alla fine si sono presentati in due. Dall’attentato la rivista ha visto crescere il numero dei lettori e attraverso numerose donazioni è arrivata ad avere un patrimonio di circa trenta milioni.

Nelle prossime settimane, il Comune di Parigi regalerà al settimanale nuovi uffici nel tredicesimo arrondissement. Il trasloco avverrà solo dopo la trasformazione in bunker dell’intera redazione.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui