La Reggina in testa alla classifica di serie B

Alla faccia del fattore campo la quinta giornata di Serie B, con ben sei vittorie in trasferta e solo quattro casalinghe.
È una cadetteria che non ha ancora definito le gerarchie e dove molto cambia da una giornata all’altra, con Reggina e Brescia che si mantengono al comando, mentre in coda, il Perugia riesce ad ottenere la sua prima vittoria.
Come su detto, salta il fattore campo, con alcuni risultati non preventivabili nei pronostici, come il successo del Sudtirol a Como e quello della Ternana a Parma.

Certo, cinque sole giornate fanno poco testo, ma al momento nessuna delle grandi, delle favorite, ha ancora raggiunto la forma migliore e pensare al Pisa, battuto al playoff dal Monza, solo all’ultimo posto, con il rafforzato Como appena davanti, lascia alquanto interdetti.

È vero che la B è un campionato strano, dove mai mancano sorprese, positive così come negative; un campionato dove le neopromosse fanno spesso grandi stagioni e le retrocesse a volte faticano tantissimo, tanto che il passaggio dalla A alla C non è così raro.

Tra un mese è possibile che la situazione sia maggiormente definita, ma non certo definitiva, dato che la corsa promozione diretta e playoff finisce per risolversi sempre più in là nel tempo e la stagione scorsa ne è l’esempio più eclatante.

Per il momento dunque prendiamo atto di un torneo incerto, dove spesso è più facile e produttivo giocare in trasferta; il livello tecnico è in calo, non basta il nome per vincere ed il famigerato contropiede, o ripartenza se preferite, è il sistema di gioco più facile e, spesso, maggiormente produttivo.

Il Direttore responsabile Maurizio Vigliani – Foto Lapresse

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui