Questa mattina i carabinieri del Comando Provinciale di Milano, in esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip del Tribunale di Monza, hanno arrestato ventuno persone, indagate a vario titolo in lombardia per associazione per delinquere finalizzata alla corruzione, turbativa d’asta e riciclaggio.

L’indagine, coordinata dalla Procura di Monza e denominata “Smile”, ha ricostruito l’operato di un gruppo imprenditoriale accusato di aver corrotto diversi funzionari delle gare di appalto pubbliche lombarde, bandite da alcune Aziende Ospedaliere per la gestione esterna di servizi odontoiatrici, riuscendo così ad aggiudicarsele.

Le persone con funzioni pubbliche coinvolte nell’indagine sono 10, tra le quali risulta esserci anche Fabio Rizzi, presidente della commissione Sanità e politiche sociali della Regione Lombardia. Ordine di custodia cautelare anche la moglie di Rizzi, alla quale sono stati concessi gli arresti domiciliari. Per entrambi l’accusa è di associazione per delinquere.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui