Nel ‘Monday Night’ della settima giornata la Sampdoria rivede un successo che le mancava da tre partite grazie alla vittoria di ‘Marassi’ 2-1 sulla Spal. Gli estensi, al contrario, incassano la terza sconfitta di fila. In classifica i blucerchiati sorpassano proprio i biancazzurri e raggiungono a 11 punti la Roma.

Il 4-3-1-2 di Giampaolo (Praet a sostegno di Quagliarella e Defrel) contro il 3-5-2 di Semplici (Petagna e Paloschi le punte). I blucerchiati partono di gran carriera e al 12′ vanno pure a bersaglio, ma il Var annulla per fuorigioco (netto) il gol di Quagliarella. Gli estensi attendono l’occasione e sanno coglierla. Al 21′ Lazzari calcia da fuori area, Audero non trattiene e Paloschi e rapace a rompere l’equilibrio.

Brava la Samp a rimettere subito la partita nei binari giusti. Il pari, infatti, arriva al 25′ grazie alla caparbietà di Quagliarella: conclusione forte, respinta raccolta e recapitata sui piedi di Linetty che non sbaglia. Di nuovo padroni di casa padroni del gioco, ma fino all’intervallo succede poco.

Dopo la pausa il più vivace è sempre Quagliarella. Combinazione con Murru e conclusione sopra la traversa. Al 60′ il n.27 è ancora determinante: scatta palla al piede, tira, raccoglie ancora la respinta e omaggia Defrel del gol del sorpasso (quinto centro personale per l’ex Roma). A Quagliarella manca solo la rete personale, che Gomis nega qualche minuto dopo. Le squadre calano sul piano fisico e la partita vive sui capovolgimenti di fronte.
Caprari manca il colpo del ko; Petagna stoppa e calcia in acrobazia, Audero è reattivo. La Spal ci prova fino alla fine, anche perché gli uomini di Giampaolo sembrano subire fisicamente. Il forcing, però, non crea grattacapi ad Audero.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui