L’Inter inaugura il 2021 centrando l’ottava vittoria consecutiva: nel ‘lunch match’ della quindicesima giornata, affondando 6-2 al ‘Meazza’ il Crotone di Stroppa (penultimo), che resiste solo un tempo. Squadra di Conte prima in classifica in attesa di Benevento-Milan (rossoneri adesso a -2).

Cronaca in sintesi
Primi 45’ frizzantissimi che gli ospiti, sfrontati e intraprendenti, iniziano decisamente meglio: splendida serpentina di Messias con tiro a botta sicura che trova la decisiva opposizione di Bastoni (10’), pochi secondi dopo Handanovic salva in uscita bassa (11’), sul conseguente angolo scambio tra Riviere e Messias, cross del brasiliano e testa vincente di Zanellato, solissimo (12’). Proprio l’attivissimo Messias parte in contropiede al 17’ ma sbaglia l’ultimo passaggio al centro, quello decisivo per l’accorrente Henrique.

Dopo aver rischiato lo 0-2, l’Inter si scuote: grande assist tra le linee di Lukaku per Lautaro Martinez che si libera di Marrone, entra in area e fulmina di destro Cordaz (20’). Al 29’, servito dalla sinistra da Young, l’argentino cerca il gran gol al volo ma la sua conclusione sfila a lato. Due giri scarse di lancette e i nerazzurri mettono la freccia (31’): Lukaku smista per Barella sulla corsia mancina, velenosissima palla in mezzo del centrocampista che Marrone mette inevitabilmente nella sua porta nel tentativo (impossibile) di anticipare Lautaro, che alle sue spalle avrebbe sicuramente segnato. Ma i fuochi d’artificio proseguono. Il Var richiama l’arbitro Aureliano per un’entrata di Vidal su Reca, è rigore, Golemic firma il 2-2 per un ottimo Crotone (36’). Ultima emozione prima del riposo targata ancora Lautaro (stavolta davvero sprecone), che elude di nuovo l’intervento del suo marcatore Marrone ma a tu per tu con Cordaz si fa ipnotizzare dal portiere, che di piede evita il peggio (41’).

Ripresa a senso unico. Dopo un tentativo di Riviere che sorvola la traversa, al 57’ i padroni di casa riallungano sempre con Lautaro Martinez, che raccoglie l’assist di Brozovic e si ‘lava’ subito la coscienza battendo Cordaz in uscita con un morbido sinistro. Al 64’ l’Inter cala il poker: lancione di Bastoni per Lukaku, il totem belga controlla, stravince fisicamente il duello con Luperto e col mancino non perdona.

I calabresi non reagiscono e al 79’ incassano la quinta rete: botta secca di Perisic respinta da Cordaz e fulmineo tap-in aereo di un onnipresente Lautaro Martinez, che fa tripletta (9 invece i centri stagionali del ‘Toro’) e chiude a doppia mandata il risultato. All’87’ lo score diventa pesantissimo per il Crotone, con Hakimi che entra nel tabellino marcatori segnando di sinistro il 6-2 conclusivo.

Il Direttore editoriale Carlo Costantini – Foto Lapresse

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui