TOP Header adv (728×90)
TOP Header adv (728×90)

IL MIRACOLO IN CAMPO

Quando, a pochissimo dal termine del primo tempo di Danimarca-Finlandia, il centrocampista dell’Inter e pilastro dei danesi, Eriksen, si è improvvisamente accasciato a terra, il tempo si è fermato, paura ed angoscia erano sui volti di chi era in campo e di chi seguiva l’incontro sugli spalti, come davanti ad un televisore.

È stato il capitano danese, il difensore milanista Kjaer, il primo ad intervenire, a permettere al compagno di respirare; poi ci hanno pensato medico e massaggiatori dello staff danese a praticare il messaggio cardiaco, la respirazione bocca a bocca, ad usare il defibrillatore ed a riportare letteralmente “in vita” il calciatore.

Mentre la compagna scendeva in campo dalle tribune, spaventata come lo si può essere quando si vive un dramma in diretta, sorretta sempre da Kjaer, il loro più grande amico da quando vivono tutti a Milano, ed essere avversari giocando nelle due formazioni meneghine non può essere che una questione di campo.
Per fortuna il drammatico episodio è finito al meglio, almeno per quanto riguarda gli istanti seguiti in diretta televisiva mondiale; ci sarà il tempo degli accertamenti, della ricerca delle cause di quella che poteva rivelarsi un’altra morte in diretta su di un campo di calcio.
Per fortuna a volte si impara la lezione e davvero Eriksen, nella drammaticità dei fatti può ringraziare l’immediatezza ed adeguatezza dei soccorsi, che gli hanno salvato la vita, senza tema di smentita.

Kjaer, i medici, lo staff sanitario della Nazionale, hanno compiuto un miracolo, da oggi bisognerà accertare i perché, cosa a causato l’arresto cardiaco in un atleta di appena ventinove anni, allenato e controllato approfonditamente.
Per Eriksen è quasi una nuova nascita, chissà se in campo, ma quel che conta è l’amore della compagna, dei figlioletti, di chi gli sta intorno e gli vuole bene, il calcio è una cosa secondaria, considerando che questa volta la vittoria non porta tre punti, ma la vita.

Il Direttore responsabile Maurizio Vigliani – Foto Getty Image

Articoli correlati

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *