La terza sezione penale della Corte di Appello di Bari ha condannato Beppe Grillo a risarcire l’ex parlamentare del Partito democratico Cinzia Capano, dei danni da diffamazione aggravata in favore della parte civile costituita da liquidare in separata sede davanti al giudice civile competente. In primo grado, il 29 giugno 2016, il fondatore del M5S era stato assolto dal tribunale di Bari in composizione monocratica. Grillo è stato invece condannato a rifondere in favore dell’ex parlamentare barese le spese di costituzione, sostenute dalla Capano e relative al doppio grado di giudizio, da liquidarsi in 4.000 euro complessivi, oltre al 15% per spese generali, Iva e Cassa previdenza. Entro 90 giorni le motivazioni.

A cura di Elisabetta Turci – Foto Imagoeconomica

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui