TOP Header adv (728×90)
TOP Header adv (728×90)
TOP Header adv (728×90)

TEATRO ARENA DEL SOLE: MENELAO

Arena del Sole – Sala Thierry Salmon
via Indipendenza, 44 – Bologna

16 FEBBRAIO – 3 MARZO 2019

DA SABATO 16 AL 28 FEBBRAIO 2019
dal martedì al venerdì ore 20.30 | sabato ore 20 | domenica ore 16.30

DALL’1 AL 3 MARZO NELL’AMBITO DI VIE FESTIVAL
venerdì 1 marzo, ore 19.30 | sabato 2 marzo ore 21.30 | domenica 3 marzo, ore 16

Menelao Teatro A

di Davide Carnevali
uno spettacolo costruito, interpretato e diretto da Teatrino Giullare
scene Cikuska
luci Francesca Ida Zarpellon
si ringrazia Gianluca Vigone

coproduzione Emilia Romagna Teatro Fondazione e Teatrino Giullare
con il sostegno della Regione Emilia-Romagna

durata 1 h e 30 minuti

debutto nazionale

Debutta in prima assoluta al Teatro Arena del Sole di Bologna, da sabato 16 febbraio a domenica 3 marzo, Menelao di Davide Carnevali (menzione speciale della giuria alla prima edizione del Premio Platea 2016), portato in scena da Teatrino Giullare, una lucida riflessione sul concetto di “tragico” nella contemporaneità, attraverso la rilettura di uno dei miti più noti legati alla casa degli Atridi.

Menelao, l’uomo più ricco della terra, sposo della donna più bella del mondo, vincitore a Ilio e regnante di Sparta, ha tutto ma non la felicità. Intuisce che qualcosa non funziona nella sua vita apparentemente così comoda; eppure non è capace di cambiare la sua situazione. In scena un tavolo, centro della vita di un uomo comune che non accetta la sua mediocrità, e per questo si rifugia nella scrittura della sua storia: Menelao vive nell’ossessione di essere ricordato nei libri come un eroe cui i postumi renderanno omaggio. Dall’alto lo osservano gli dèi, che ridono di lui, eterno infelice; Elena non riesce a confortarlo e l’ombra di Agamennone lo tormenta. La condanna di Menelao è senza fine, la sua sofferenza non ha soluzione e la sua vita rimane sospesa in un limbo invalicabile, in cui traspare il dramma dell’uomo contemporaneo.

Come si legge nella motivazione della Menzione speciale del Premio Platea: «il Menelao di Carnevali è un uomo in piena depressione. Tornato da Troia e riacquisita la moglie Elena, proprio quando dovrebbe sentirsi pienamente soddisfatto, si trova invece preda di angosce e infelicità. La mitologia greca viene abilmente intrecciata all’attualità e al mondo contemporaneo per sondare gli eterni meccanismi del desiderio».

Note di Davide Carnevali
Sovrano e signore di una potente città occidentale, Menelao torna dalla guerra in Medio Oriente; una guerra fatta per questioni economiche, mascherate dietro l’inverosimile scusa dell’amore per una donna. Ma l’unico amore che conosce Menelao è quello per le idee e gli ideali propri della sua cultura, del suo sistema sociale e soprattutto di un sistema economico che riflette un determinato sistema di pensiero.
Quella occidentale è una cultura profondamente positivista, radicata nella logica di Aristotele e Hegel; una cultura del calcolo, del beneficio, che esige che a ogni elemento sia attribuito un valore stabile in modo da poter essere inserito in un sistema di scambio. Inquadrando la realtà in uno schema razionale, abbiamo l’impressione di poterla dominare: da qui il primato del certo sull’incerto, della forma sull’informe, del racconto sull’esperienza. Ma l’esperienza, ben lo sappiamo, non sempre è riducibile alla sua narrazione; e la realtà reale delle cose fugge inesorabilmente alla logica della definizione.
Menelao, figlio di una società in cui il mercato – come ricorda Zygmunt Bauman – tende a mantenere aperto l’orizzonte del desiderio perché questo non sia mai soddisfatto, il ricco borghese si trova alla mercè di aspirazioni eternamente incompiute. Non gli basta quel che la vita gli ha dato e brama ciò che non ha. Vorrebbe morire come un eroe, ma non è questo il suo destino; vorrebbe vivere felice come una persona qualsiasi, ma non si accontenta di esserlo. Come ogni uomo abituato ad avere davanti a sé molteplici opzioni, Menelao – per pietà o per paura – è incapace di sceglierne una, cadendo nello scacco di un’aporia a cui non vede soluzione. Così il non-eroe greco vive la peggiore delle tragedie: quella di una sofferenza che non conosce fine, una vita che non conosce redenzione, una storia che non conosce finale.

Note di regia di Teatrino Giullare
Un’idea esce dalla testa e la tragedia ha inizio. Tutta colpa della ragione.
Menelao si arrovella, affina a tal punto il conflitto con le sue aspirazioni da non riuscire più a far distinzione tra idee e azioni, incapace di vivere e di amare.
Tra libri e statue, segni della memoria, sotto lo sguardo severo degli dèi irriverenti, Menelao cerca una ragione alla sua vita e non la trova.
Non è riuscito a diventare quel che voleva essere, non è un eroe, non ha un posto da protagonista nelle storie, è solo un personaggio minore, e così inventa le proprie imprese e le scrive, tentando di costruire il proprio personaggio, un altro se stesso, un eidolon anche lui impedito a vivere.
Un cortocircuito tra reale e immaginario, un doppio gioco in cui pesano parole disperatamente comiche e in cui il mito affiora affrontando l’amore, il sogno, la coscienza, la morte.
Eppure Menelao ha tutto, vive nel benessere, ma non riesce a godersi la vita. E cercando vanamente la soluzione alla sua infelicità esce dal tempo, non vive, non muore.
Uno stallo depresso causato da desideri confusi, un uomo che si confronta con l’immagine che vorrebbe di se stesso, una tragedia contemporanea.

Davide Carnevali
Drammaturgo, ha ottenuto il Dottorato in Teoria del teatro presso l’Universitat Autònoma de Barcelona. Ha scritto, tra gli altri: Variazioni sul modello di Kraepelin (Premio Theatertreffen Stückemarkt 2009; Premio Marisa Fabbri 2009; Premio de les Journées des auteurs 2012); Sweet Home Europa (Schauspielhaus Bochum, 2012); Ritratto di donna araba che guarda il mare (Premio Riccione 2013); Menelao (menzione al Premio Platea 2016). Nel 2018 ha portato in scena Maleducazione transiberiana al Teatro Franco Parenti e Ein Porträt des Künstlers als Toter alla Staatsoper Unter den Linden.
I suoi testi, tradotti in tredici lingue, sono stati presentati in diverse stagioni teatrali e festival internazionali, e sono editi in Francia da Actes Sud. Con la casa editrice mexicana Paso de Gato ha pubblicato il saggio Forma dramática y representación del mundo en el teatro europeo contemporáneo.
Per la sua attività, gli è stato conferito nel 2018 il Premio Hystrio alla Drammaturgia.
Nel 2018 pubblica Variazioni sul modello di Kraepelin (o il campo semantico dei conigli in umido), con Einaudi nella collana Collezione di teatro e Aristotele invita Velázquez a colazione e gli prepara uova e (Francis) Bacon e Menelao nella collana LINEA di ERT Fondazione e Luca Sossella Editore.

Teatrino Giullare
Teatrino Giullare sviluppa dal 1995 la propria ricerca artistica indagando la drammaturgia tramite la creazione di strumenti teatrali, la commistione delle arti, l’esplorazione dell’espressività tramite il limite fisico, la sperimentazione di artifici scenici, creando, una poetica originale che ha portato la compagnia a realizzare allestimenti, installazioni e laboratori in tutta Italia e tournée internazionali in 34 paesi del mondo (Europa, Usa, Canada, Argentina, Uruguay, Guatemala, Etiopia, Kenia, Russia, Turchia, Pakistan, India, Iran, Israele, Egitto, Marocco, Colombia, Venezuela).
Tra i vari riconoscimenti ricevuti: il Premio Speciale Ubu (2006), il Premio Nazionale della Critica (2006), il Premio della Giuria e il Premio Brave New World per la regia al 47^ Festival Internazionale di Teatro MESS di Sarajevo (2007), Il Premio Hystrio Altre Muse 2011, la Menzione Speciale della Giuria Internazionale al Premio Teatro Nudo (2016).

L’Arena del Sole in Cineteca
13 febbraio Cinema Lumière, ore 18
CITZEN KANE (USA/1941)
di Orson Welles

Presentando il biglietto d’ingresso al film, sconto del 30% sull’acquisto di un biglietto per lo spettacolo.

Presentazione del testo Menelao, pubblicato nella collana LINEA di ERT Fondazione e Luca Sossella Editore
Venerdì 1 marzo – Libreria Ubik Irnerio, via Irnerio 27, ore 17.30
con Davide Carnevali, Michele Dell’Utri e Teatrino Giullare
Ingresso libero

Informazioni:
Teatro Arena del Sole, via Indipendenza 44 – Bologna
Prezzi dei biglietti Sala Thierry Salmon: da €7 € a € 15 più prevendita
biglietteria tel. 051 2910910 – biglietteria@arenadelsole.it

Debora Pietrobono
Responsabile Ufficio Stampa Emilia Romagna Teatro Fondazione
c/o Teatro Arena del Sole
Via San Giuseppe, 8 – 40121 Bologna
tel. 051 2910954 – cell. 347 8798621
d.pietrobono@emiliaromagnateatro.com
stampa@arenadelsole.it

Silvia Mergiotti
Ufficio stampa
tel. 051 2910934 – cell. 333 1897265
stampa@arenadelsole.it

www.emiliaromagnateatro.com

Articoli correlati

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *