TOP Header adv (728×90)
TOP Header adv (728×90)

UE VIA LIBERA AD ACQUISTO VACCINO PFIZER

L’accordo della commissione Ue con Pfizer-Biontech per l’acquisto di 300 milioni di dosi del vaccino per il Covid-19 sarà all’ordine del giorno del collegio dei commissari di domani, per l’adozione.

Lo annuncia il portavoce dell’esecutivo comunitario, Eric Mamer. La decisione di domani è cruciale, gli stati membri decideranno poi a quale condizioni parteciparvi.

“Domani autorizziamo un contratto per un massimo di 300 milioni di dosi del vaccino sviluppato dalla società tedesca Biontech e Pfizer”, dichiara la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. Una volta che il vaccino sarà disponibile, ha aggiunto “il nostro piano è di distribuirlo rapidamente, ovunque in Europa”.

“Questo è il vaccino più promettente finora. Ed è il quarto contratto con un’azienda farmaceutica per l’acquisto di vaccini – ha ricordato von der Leyen – e ne arriveranno altri. Perché abbiamo bisogno di un ampio portafoglio di vaccini basati su diverse tecnologie.

Abbiamo già iniziato a lavorare con gli stati membri per preparare campagne di vaccinazione nazionali. ci siamo quasi – ha concluso – nel frattempo, dobbiamo essere prudenti e stare al sicuro”. Ad anticipare la notizia era stata la Bild. Il contratto con la Biontech per il vaccino anti-covid “è pronto” e l’ultima tappa arriverà con il vaglio della commissione europea di domani. Così il quotidiano tedesco, citando fonti Ue.

In un’intervista alla tv tedesca Phoenix, il leader del Ppe Manfred Weber aveva assicurato: “I contratti saranno firmati nelle prossime ore e saranno giuridicamente ancorati attraverso le decisioni della commissione di domani”. All’Italia oltre 40 milioni di dosi L’Italia avrà accesso ad almeno il 13,51% dei 300 milioni di dosi di vaccino Pfizer-Biontec riservati all’Ue, cioè oltre 40 milioni. La ripartizione delle dosi avviene sulla base della popolazione di ciascun Stato membro e il dato si ricava da fonti Eurostat.

A cura di Silvia Camerini – Foto Imagoeconomica

Articoli correlati

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *