An armed Police officer blocks a street on the south side of London Bridge in London, Friday, Nov. 29, 2019. British police say several people have stabbed near to London Bridge, and a man has been detained. The news came after witnesses reported hearing gunshots in the area. (ANSA/AP Photo/Alberto Pezzali) [CopyrightNotice: Copyright 2019 The Associated Press. All rights reserved]

Sangue e terrore nel cuore di Londra a meno di due settimane dalle elezioni britanniche. E l’incubo ha ancora una volta le sembianze di un lupo solitario, ma noto per i suoi legami con gruppi jihadisti, entrato in azione con un coltellaccio in mano e indosso un finto giubbotto esplosivo a seminare paura e morte tra la folla di London Bridge, prima di essere freddato dalla polizia. Il bilancio è di due persone uccise e 3 feriti seriamente, come ha confermato Scotland Yard, indicando l’episodio come un “grave atto di terrorismo”. Indicazione confermata in tarda sera con l’emergere del profilo dell’assassino: un ex galeotto legato al terrorismo islamico-radicale, a quanto riferito da fonti della sicurezza ai media, ben noto alla polizia britannica, rilasciato un anno fa dal carcere a patto d’indossare un braccialetto di sorveglianza e reduce subito prima del raid da una conferenza sulla riabilitazione dei detenuti organizzata dalla Università di Cambridge in una sala londinese, la Fishmongers’ Hall, che egli pare avesse minacciato di far saltare in aria.

“Posso confermare – ha detto Neil Basu, numero 2 di Scotland Yard e responsabile dell’antiterrorismo – che il sospetto è stato centrato da colpi d’arma da fuoco ed è morto sul posto. E che aveva addosso un falso ordigno esplosivo”. “Data la natura dell’incidente siamo in condizione di dichiarare che è stato un incidente terroristico”, ha proseguito Basu, precisando peraltro che l’inchiesta è agli inizi e i detective restano al momento “aperti a tutte le piste” sul movente.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui