VINNYTSIA DUE BOMBE COLPISCONO LA TORRE TELEVISIVA DANNI ALLE ABITAZIONI CIVILI ADIACENTI SOLDATO CON SCHEGGIA DELLA BOMBA GUERRA IN UCRAINA

19:00 23 Giugno 2022 Kiev: rubate dai russi oltre di 500 mila tonnellate di grano

“I russi hanno già rubato dai porti ucraini più di 500 mila tonnellate di grano utilizzando navi russe e siriane”. Lo denuncia Vasyl Bodnar, ambasciatore ucraino in Turchia, annunciando che l’Ucraina sta lavorando per creare un meccanismo per fermare questo traffico illegale, che oltre al monitoraggio del traffico navale e alle misure da attuare nei porti, preveda anche un’analisi del grano per stabilire la regione di origine.

18:07 Proteste di Parigi dopo annuncio Mosca espulsione diplomatico francese

Mosca ha comunicato all’ambasciata francese in Russia che la presenza di uno dei suoi dipendenti, il consigliere culturale, non è più desiderata e il suo accredito non verrà rinnovato oltre il 17 luglio, data entro la quale dovrà lasciare il territorio russo. Secondo il ministero degli Esteri francese le autorità russe non hanno fornito “alcuna giustificazione legale”. La ministra degli Esteri, Catherine Colonna, ha ordinato di vagliare varie opzioni per “determinare azioni future”.

17:44 Cisco chiude tutte attività in Russia e Bielorussia

Il produttore statunitense di apparecchiature per le telecomunicazioni Cisco ha affermato che chiuderà tutte le sue attività in Russia e Bielorussia, abbandonando completamente i due Paesi. Lo rende noto la Nexta. A marzo Cisco aveva già sospeso le operazioni commerciali, comprese le vendite e i servizi.

17:12 Cominciato primo processo a carico di soldato russo per violenza sessuale

Si è tenuta l’udienza preliminare nel primo processo a carico di un soldato russo accusato di aver violentato una donna ucraina nel corso della guerra. Il sospettato, un militare di 32 anni, non è in custodia in Ucraina e sarà processato in contumacia: è accusato di aver ucciso un civile nella regione di Kiev il 9 marzo e di aver violentato la moglie dell’uomo.

17:01 Cnn: Biden annuncia nuovo invio di armi

L’amministrazione Biden dovrebbe annunciare entro oggi un altro invio di aiuti militari all’Ucraina. Lo riferiscono fonti informate alla Cnn. Nel pacchetto dovrebbero esserci altri sistemi missilistici di artiglieria ad alta mobilità (HIMARS) e munizioni.

17:00 Lamorgese: in Italia circa 137 mila profughi

“Abbiamo circa 137 mila ucraini arrivati in Italia nel giro di pochissimo. In Italia abbiamo una grande comunità ucraina, circa 250 mila persone. La maggior parte sono andati nelle case da connazionali e amici, pochi sono nel nostro circuito di accoglienza, messo subito in attività sin dai primi giorni dalla guerra”. Lo afferma il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, nel suo intervento a Co-Opera2022, la seconda conferenza nazionale della cooperazione allo sviluppo.

16:38 Metsola: oggi è una giornata storica, daremo lo status di candidato Ue all’Ucraina

“Oggi giornata storica, daremo lo status di paese candidato all’Ucraina, cosa che il Parlamento Europeo ha chiesto sin dall’inizio della brutale guerra scatenata dalla Russia”. Lo ha detto la presidente del Parlamento Europeo Roberta Metsola. “Ma oggi solleverò anche la questione dell’aumento dei costi della vita per i cittadini europei a causa della guerra, i prossimi mesi saranno difficili da un punto di vista della sicurezza energetica”, ha aggiunto.

16:24 Kaliningrad, Borrell: no a blocco merci ma rispetto sanzioni

“A Kaliningrad non c’è un blocco”. La Lituania “sta implementando le sanzioni”. Ma “vogliamo allo stesso tempo che i controlli prevengano ogni tentativo di eludere le sanzioni senza impedire il traffico commerciale”. Lo ha detto, parlando della città russa sul Mar Baltico, l’Alto rappresentante dell’Ue per la politica estera Josep Borrell. “Il servizio esterno della Commissione farà una revisione delle linee guida”, ha annunciato così Borrell, per chiarire che “non vogliamo un blocco del traffico commerciale, ma prevenire la circonvenzione delle sanzioni. Entrambe le cose devono essere possibili, ci stiamo lavorando”.

16:15 Kiev: a Severodonetsk situazione difficile ma stabile

La situazione nella città di Severodonetsk è “difficile” ma “stabile”. A dirlo è Oleksii Hromov, vice responsabile delle operazioni principali dello Stato maggiore delle forze armate ucraine. “La situazione è difficile, stabile, i combattimenti (con i russi, ndr) sono in corso”, ha detto Hromov ai giornalisti, secondo quanto riporta la Cnn.  “I nostri soldati hanno armi a disposizione e sono sostenuti da unità di artiglieria, ma sfortunatamente il nemico è in vantaggio”, ha spiegato Hromov. “La Russia ha sistemi di artiglieria a sufficienza, munizioni a sufficienza e riesce a colpire massicciamente, ma i nostro uomini si muovono con bravura fra le posizioni fortificate”, ha detto Hromov riconoscendo che la Russia ha danneggiato le vie di rifornimento alla città.

15:44 Mosca: urgente difesa militare russo-bielorussa

Il raggruppamento regionale delle truppe e il sistema di difesa aerea dello Stato dell’Unione di Russia e Bielorussia hanno bisogno di misure urgenti per aumentare la prontezza di combattimento, ha affermato il ministro della Difesa di Mosca, Serghei Shoigu. “Le circostanze impongono la necessità di adottare misure congiunte urgenti per rafforzare la capacità di difesa dello Stato dell’Unione, aumentare la prontezza al combattimento del raggruppamento regionale di truppe e del sistema di difesa aerea regionale unificato”, ha affermato Shoigu in un incontro con l’omologo di Minsk, Viktor Khrenin, a Mosca. Shoigu ha aggiunto che la questione sta diventando oggi sempre più urgente e la Russia è pronta a fornire “qualsiasi supporto agli amici bielorussi” in questo senso. Il 19 maggio, il presidente della Bielorussia Aleksandr Lukashenko ha annunciato l’acquisto di sistemi di difesa aerea S-400 e sistemi missilistici Iskander dalla Russia. 

15:22 Putin ai Paesi Brics: le minacce richiedono risposte comuni

Le sfide e le minacce transnazionali richiedono “risposte comuni” per rispondere “insieme e sulla base di una cooperazione onesta”. Così il presidente russo Vladimir Putin al vertice dei Brics (Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica).

A cura di Stefano Severini – Foto Imagoeconomica

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui