Davanti alla minaccia che si possano inasprire le sanzioni contro i cronisti per limitare il fenomeno, il presidente dell’Ordine dei giornalisti Carlo Bartoli ha lancia un appello. Nel corso dell’indagine conoscitiva sulle intercettazioni che è in corso nella Commissione Giustizia del Senato presieduta da Giulia Bongiorno, Bartoli ha messo in guardia sul fatto che se si comprimeranno ulteriormente le libertà tutelate dalla Costituzione, si arriverà alla “censura“. “Sarebbe paradossale inasprire le pene contro i giornalisti che pubblicano intercettazioni quando queste sono pubbliche – ha dichiarato – sarebbe una censura in piena regola“.

Il Direttore editoriale Carlo Costantini – Foto Imagoeconomica

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui