Sono giorni caldissimi per il calciomercato; è vero, tutti lo sono in realtà dal 1 gennaio al 31 dicembre, ma l’8 agosto chiude il mercato inglese (in entrata, meglio precisarlo bene) e quindi fervono le trattative, o presunte tali, perché nessuno paga, o se preferite spende, come le Società d’Albione, dove girano tanti soldi, i diritti televisivi raggiungono vette inimmaginabili ed anche la diciassettesima classificata dell’ultima Premier ha più soldi da spendere di qualunque delle squadre italiche.

Avanti con le notizie dunqe, la maggior parte delle quali inventate, mentre le restanti hanno, da parte italiana un solo fine: le plusvalenze!!! Cioè la parola magica che spopola dalla Juve …. alla Juve, con codazzo di …. debiti per nulla presunti.

A forza di comperare e spendere, arriva anche il momento, infatti, di fermarsi a fare due conti e quando questi non quadrano bisogna giocoforza fare qualcosa; ecco allora venir fuori che, faccio un esempio, Dybala è fuori dal progetto, così Cancelo, magari pure quel fenomeno di Spinazzola, uno chiamato in Nazionale anche quando andava in tribuna, e poi dicono che il calcio è pulito!!!
Il problema vero è che c’è sempre chi ci crede e quindi viva il calcio! Lo so, sempre il solito disfattista, ma è colpa mia se qui da noi non ci svegliamo nemmeno quando la sveglia suona per ore? Crediamo a tutto quello che ci raccontano per intortarci con il fiocco, e basta guardare la politica per accorgersi che beviamo di tutto, persino le analisi costi-benefici del ministro delle palestre …. e vuoi che non abbocchiamo sul calcio?

Perdonatemi, ma ci hanno stracciato i maroni per mesi con Moise Kean, il millennial bianconero che non solo correva sull’acqua, ma faceva anche i miracoli e poi? La Juve lo vende? Con un balletto delle cifre davvero stucchevole e tutto da ridere …. 40 milioni tra fisso e bonus, che poi sono diventati 30, 27,5 (sempre troppi) + 2,5! Ahahahahahah!!!

Mi immagino fosse stato interista …. perché si sarebbe partiti subito dal fisso (diminuendolo ovviamente) ed aggiunto un bonus non meglio quantificato, dopo mesi di articoli su quanto la testa ed i comportamenti del ragazzo fosseto, diciamo, balotelliani, mentre invece, da bianconero, esaltazione allo stato puro e …. cessione da plusvalenza, come volevasi dimostrare!
Eh, povero calcio italiano, dove il Milan baratta l’Uefa (che porta pochi quattrini) con un anno in più per tornare nei parametri del FPF, ed intanto vende un ronzino per 20 milioni e ne prende un altro per 35 …. alla faccia dei grandi dirigenti e del bilancio che piange!

Vabbe, tutto va bene signora la marchesa, e che il calcio continui a farci dimenticare il debito pubblico, TAP, TAV, Ilva ed Alitalia, tanto mica ci mettono le mani in tasca …. quelli che il calcio lo fanno girare sulla ruota della fortuna, in fin dei conti siamo ad agosto e non ci hanno neppure aumentato la benzina!

Il Direttore responsabile Maurizio Vigliani – Foto Lapresse

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui