Dopo un’edizione 2020 cancellata e una edizione ridimensionata lo scorso anno, il Festival di Cannes ha risteso il tappeto rosso per quello che gli organizzatori sperano sarà un ritorno al grande spettacolo in Costa Azzurra.

L’edizione di quest’anno è iniziata con una cerimonia di apertura a cui si è collegato a sorpresa il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky e che ha preceduto la prima di ‘Final Cut’, ribattezzato dal suo titolo originale, ‘Z’, dopo che i manifestanti ucraini hanno notato che la lettera ‘Z’ per alcuni simboleggia il sostegno alla guerra della Russia in Ucraina.

Proprio la guerra in Ucraina dovrebbe essere una presenza regolare a Cannes. “Serve un nuovo Chaplin che dimostri che il cinema di oggi non è muto“, ha detto Zelensky nel collegamento accolto da una ovazione. Nel suo intervento ha citato capolavori della storia del cinema come Il Grande Dittatore e Apocalypse Now. “L’odio alla fine scomparirà e i dittatori moriranno. Siamo in guerra per la libertà“, ha detto.

festival ha escluso i russi con legami con il governo. Sullo schermo ci saranno diversi film di importanti registi ucraini, tra cui il documentario di Sergei Loznitsa The Natural History of Destruction. I filmati girati dal regista lituano Mantas Kvedaravicius prima di essere ucciso a Mariupol ad aprile saranno mostrati anche dalla sua fidanzata, Hanna Bilobrova.

Sempre oggi è stata presentata la giuria che assegnerà la Palma d’Oro. L’attore francese Vincent Lindon guida una squadra che comprende Deepika PadukoneRebecca HallAsghar FarhadiJasmine TrincaLadj LyNoomi RapaceJeff Nichols e Joachim Trier. Anche le questioni di uguaglianza di genere saranno presenti al Festival di Cannes, dove non più di cinque registe hanno fatto parte della scaletta del concorso per la Palma d’Oro e solo due registe hanno vinto.

Lunedì, Thierry Fremaux, direttore artistico, ha difeso il festival, sostenendo che seleziona i film esclusivamente sulla base della qualità. Alla Hall, che l’anno scorso ha debuttato alla regia con il film ‘Passing’, è stato chiesto quale fosse la sua opinione. “Credo che sia un lavoro in corso. Intendo per l’intera industria cinematografica, non solo per il Festival di Cannes“, ha risposto Hall. “Il modo di affrontare queste cose deve essere affrontato anche a livello di base. Non sono solo i festival o le situazioni di fronte al pubblico. Si tratta di tutte le minuzie di ciò che va nel settore in generale“, ha aggiunto.

Il tradizionale festival di Cannes, tempio più grande e sfavillante del mondo del cinema, delle polemiche e del glamour sarà uno spettacolo di 12 giorni di anteprime sul tappeto rosso e accordi cinematografici dilaganti su e giù per la Croisette. L’uscita nelle sale è un requisito di qualsiasi film in lizza per la Palma, che ha impedito ai servizi di streaming di svolgere un ruolo importante a Cannes. Ma quest’anno, un nuovo partner del festival – TikTok – ha sollevato un polverone. Il festival ospita creatori di TikTok da tutto il mondo e organizza un concorso separato per i migliori (brevissimi) video creati durante il festival. Fremaux l’ha definita una “partnership giovane” e ha garantito che TikTok non sarà il futuro del cinema.

Star formalmente vestite come Eva Longoria hanno sfilato sul famoso tappeto rosso di Cannes martedì prima dell’apertura del 75° Festival e della premiere della commedia di zombi di Michel Hazanavicius ‘Final Cut‘. Nei successivi 12 giorni, 21 film si contenderanno il prestigioso premio principale del festival, la Palma d’Oro, mentre una manciata di titoli hollywoodiani di alto profilo tra cui ‘Top Gun: Maverick’, ‘Elvis’ e ‘Three Thousand Years of Longing’ verranno lanciati proprio a Cannes. Dopo che l’anno scorso ha richiesto regolari test per Covid-19 e mascherine nei cinema – e nessun bacio sul tappeto rosso – Cannes ha in gran parte eliminato i protocolli pandemici. Le mascherine sono consigliate all’interno ma sono indossate raramente. “Quest’anno tutti volevano venire a Cannes“, ha detto Thierry Fremaux prima dell’apertura. “Tutti volevano incontrarsi di nuovo“, ha aggiunto.

A cura di Elisabetta Turci – Foto Imagoeconomica

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui