Vedi “O-mar quant’è bello” recitava l’indimenticabile Totò in uno dei suoi tanti film. Se poi incontri in piazza Maggiore Omar, a Bologna, davanti a un aperitivo alle spalle del Nettuno, ecco che i nostri ricordi s’intrecciano e tornano a quello splendido e unico anno trascorso insieme alla scuola di Pubblica Sicurezza di Nettuno, con frequenti e piacevoli sortite nella città eterna.

ROMA: metropoli che ci ha regalato momenti indimenticabili e ha dato i natali alla dolce vita felliniana e agli immancabili paparazzi. Città nella quale Omar era cresciuto e si sapeva muovere come nel “salotto” di casa sua. Ci siamo conosciuti nel 1975 durante il corso sottufficiali. Io, bolognese, proveniente dal Centro Addestramento Polizia Stradale di Cesena; lui di Pesaro, arrivato dalla Polizia di Frontiera presso l’Aeroporto Internazionale di Fiumicino.

Durante quei 365 giorni, ho avuto l’opportunità di avvicinarmi a un mondo per me sconosciuto che Omar mi ha dato l’occasione di conoscere direttamente attraverso personaggi famosi legati alla musica, al cinema e pittori di grido. Inoltre, frequentare locali con clienti che facevano parte del jet set internazionale. Tra i tanti, ricordo con piacere la “Trattoria della Sora Lella”, sorella di Aldo Fabrizi, sempre in compagnia di Vip. Nel corso dei successivi anni i nostri contatti personali sono proseguiti con cadenza regolare fino al 1985. Poi, come spesso accade, il naturale percorso della vita ha diviso le nostre strade. Dopo un lungo intermezzo, durato circa 33 anni, ci siamo rivisti nel 2018 e abbiamo ripreso da dove avevamo lasciato. Un incontro casuale che non ha prezzo, perché l’amicizia – quella vera – dura nel tempo, nonostante tutto e tutti.

Omar Di Maria, già collega in polizia, principalmente carissimo amico di famiglia, oggi è un affermato scrittore che da anni si occupa di storia contemporanea. Al suo attivo vanta la pubblicazione di dieci romanzi, edizioni Pendragon. Nei suoi scritti racconta l’Italia dal 1943 al 1980. Colpo di Stato, fascismo, servizi segreti, delitti, sbirri, criminali, amori, vitelloni, celebrità e sconosciuti che s’intrecciano nelle immancabili notti romane della dolce vita: la storia che si miscela con il vissuto di Omar.

Il nostro ultimo incontro, in ordine di tempo, a Cesena per la presentazione della sua decima fatica letteraria dal titolo “I fantasmi di via Veneto”.
La giornata è iniziata al Ristorante “Da Baldo” davanti al suo piatto preferito, le penne all’arrabbiata, accompagnate da un frizzantino ghiacciato, fragole e caffè. Nel tardo pomeriggio incontro con l’autore alla libreria Mondadori, con presentazione del giornalista Carlo Costantini.

La serata è proseguita con Omar, Cristina, Elisa e Carlo al ristorante “Cohiba”. Menù a base di pesce fresco accompagnato da un ottimo Franciacorta. Nell’occasione sono stati raccontati episodi di vita vissuta e aneddoti esilaranti, che hanno affascinato i presenti, riferiti a quel “magico” periodo trascorso nella capitale della “Grande Bellezza”.

A mio parere esistono due buoni motivi per leggere i libri di Omar Di Maria: uno perché sicuramente piaceranno; l’altro, perché potrete vantarvi di averli letti. Facendo riferimento all’ultimo nato “I fantasmi di via Veneto” posso affermare con assoluta certezza che è il migliore, perché fa parte dei “nostri” anni più belli e perché scritto – come dichiarato dall’autore – con le lacrime e il cuore. 

Il vice Direttore Ugo Vandelli- Foto Repertorio

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui