Cesena Basket 2005 vs Omega Bk Castenaso 72-84 (25-22; 44-41; 53-67). Cesena: Piazza 20 (MVP), Santoro 15, Sanzani 14, Panzavolta 13, Pezzi O. 8, Orioli 2, Domeniconi, Ricci, Pezzi I, Ugolini, Balestri ne. Allenatore Marco Vandelli vice Lucio Paganelli. Castenaso, senza nessun timore si prende la rivincita dopo la sconfitta subita all’andata (77-78), ed espugna il Palaippo.

Cesena, con una rosa sempre più corta, ancora priva dello squalificato Filippo Rossi, con Alessandro Balestri in panchina per onor di firma e senza il febbricitante Carlo Cappucci, ha dovuto gestire le rotazioni con evidenti difficoltà. L’avvio è tutto di marca bolognese con i cesenati che iniziano molto male e si ritrovano sotto di dieci in un amen. Dopo l’inevitabile time out, coach Vandelli riesce a dare la sveglia ai suoi che ribaltano il risultato e si portano immediatamente sul +10 mentre il quarto si chiude con un leggero vantaggio.

Alla ripresa Cesena lotta su ogni pallone ma ha sempre il fiato sul collo di un avversario solido, fisico e con evidenti motivazioni, vista la posizione in classifica. A ritmi alterni il primo tempo termina con la stessa differenza canestri del primo quarto. Purtroppo, la pausa lunga non aiuta i padroni di casa. Dopo un primo tempo in sostanziale equilibrio è Castenaso a scappare. Infatti, nel terzo periodo è ancora l’Omega a dimostrarsi più attiva, contro una difesa avversaria troppo prevedibile e debole. Sfruttando la serata non eccezionale dei ragazzi di Vandelli i bolognesi riescono ad aumentare il divario che al termine del terzo quarto segna +14. Nell’ultima frazione di gioco la musica non cambia perché Castenaso continua a centrare con precisione la retina mentre Cesena, costretta sempre a inseguire, non riesce a portarsi oltre il -12, consegnando i due preziosi punti alla formazione bolognese. Una domanda sorge spontanea e riguarda la discesa senza freni dei cesenati iniziata il 19 gennaio e proseguita con dodici sconfitte senza soluzione di continuità. Sempre calmo e riflessivo, coach Vandelli non fa giustamente drammi per la sconfitta subita mareplica: Punti persi che pesano in chiave salvezza, mentre le formazioni in fondo alla classifica sono sempre più vicine. Oggi la nostra attenzione è rivolta ai play out, dove sale la temperatura e, se non riusciamo a muovere la classifica, anche a una possibile retrocessione diretta. Dal prossimo match ogni scontro sarà come una finale, perciò servirà una grande attenzione mentale, interpretando bene ogni fase del gioco”.

Nel girone di ritorno, per vari motivi, Cesena non è mai riuscita a entrare in campo a ranghi completi. Questo dato dovrebbe aiutare la società a ricercare soluzioni per invertire il trend negativo che non li abbandona. Forse un breve pellegrinaggio a Lourdes potrebbe aiutare!

Il vice Direttore Ugo Vandelli – Foto Redazione 

Il Vice Direttore Ugo Vandelli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui