Secondo una ricerca condotta da Daniel Kammen, dell’università della California a Berkeley, oltre la metà della popolazione dell’intero Pianeta vive nelle citta’ e la tendenza è in costante aumento. Entro il 2050 si prevede che lo faranno due persone su tre.

L’articolo contenente i risultati dell’indagine condotta da Kammen, è stato pubblicato sul numero speciale che la rivista “Science” dedica al pianeta urbano. In una delle ricerche pubblicate viene analizzata l’evoluzione dal 1950 al 2030 delle 200 città più grandi del mondo, da cui emerge una loro crescita inarrestabile. In Italia, ad esempio, Roma e Milano finiranno per diventare le uniche due “megalopoli”.

Tuttavia, se fino a qualche decennio fa, la maggior parte degli abitanti delle città nel mondo era concentrata in Europa e Nord America, entro il 2030 lo saranno in Asia e Africa. Per esempio, Cina, India e Nigeria avranno 1 miliardo in più di residenti nelle città nei prossimi decenni.

Ma si stima anche che il 60% delle aree urbane che ci sarà entro il 2050 deve essere ancora costruito. Uno degli aspetti che desta maggiore preoccupazione riguarda l’impatto ambientale che queste mega-città avranno sulla Terra: la popolazione delle città produce il 70% dei gas serra di origine umana. Il consumo di suolo per fornire cibo, energia ed acqua è immenso, e l’impronta ecologica di una città è 200 volte più grande dell’area che occupa.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui