Avevano 71 e 69 anni ed erano originarie della provincia di Ravenna le vittime dell’incidente avvenuto questa mattina nella campagne di Trani (Barletta – Andria – Trani) che ha coinvolto due ultraleggeri.

Sui corpi, su cui nei prossimi giorni sarà effettuato l’esame autoptico, dal medico legale Antonio De Donno, sono state trovate lesioni gravi causate dallo schianto ad alta velocità del mezzo su cui viaggiavano. Sta bene invece il pilota dell’altro ultraleggero coinvolto che potrebbe essere dimesso dall’ospedale “Bonomo” di Andria in cui è stato elitrasportato dai vigili del fuoco. Con ogni probabilità sarà dimesso domani, Vincenzo Rosei il 57enne pilota. L’uomo, trascorrerà la notte in ospedale ad Andria in osservazione a causa delle fratture costali e vertebrali riportate. La prognosi è di trenta giorni.

La procura di Trani ha aperto un’inchiesta – al momento contro ignoti –  per disastro aviatorio colposo e omicidio colposo.

I due mezzi ultraleggeri erano diretti a Lecce ed erano partiti dall’Aviosuperficie del Gargano di San Giovanni Rotondo (Foggia), in contrada Macerone.

Durante il volo si sarebbero tamponati: uno dei due velivoli è riuscito in un atterraggio di emergenza nei pressi del casello di Trani della A14, l’altro è invece precipitato nelle campagne tranesi in contrada Casalicchio. I velivoli, senza scatole nere, sono stati sequestrati e ora spetterà alle indagini della Polizia di Stato fare chiarezza su quanto accaduto.

La procura tranese ha nominato un perito: toccherà all’esperto analizzare i due aeromobili.

A cura di Elena Mambelli – Foto Ansa

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui