È una donna di 28 anni per ora l’unica vittima del terremoto di magnitudo 5,7 della scala Richter registrato ieri sera in Bosnia Erzegovina e avvertito anche in Italia.

Il sindaco della città di Stolac, a sudest di Mostar, epicentro del sisma, ha riferito che la giovane è morta nel crollo della sua abitazione: altre tre persone della sua famiglia sono rimaste ferite.

Il sisma ha colpito a 42 chilometri a sud-est della città di Mostar, a una profondità di 10 chilometri poco dopo le 23 di ieri sera, lo ha confermato il Centro Sismologico Euro Mediterraneo.

Lievi danni materiali sono stati segnalati a Mostar dove sono crollate alcune ciminiere, causando il blocco delle strade adiacenti. Centinaia le persone fuggite dalle loro case.

La scossa è stata avvertita distintamente in Montenegro, in particolare nella capitale Podgorica e a Niksic, seconda città del paese, ma anche nelle località costiere di Bar, Cattaro, Hercel Novi. La stessa zona che nel 1979 subì un sisma di magnitudo 6,9 che provocò oltre cento morti e 1700 feriti.

La scossa è stata avvertita anche in alcune regioni della Serbia, della Croazia e anche in Italia, in particolare nella provincia di Ancona, nel Napoletano e in Puglia.

A cura di Elena Mambelli – Foto Imagoeconomica

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui