“Il dossier Tav sta occupando l’attenzione dei cittadini italiani – ha detto in apertura Conte – Vorrei ricordare a tutti i cittadini che non esiste alcuna mia considerazione prima di assumersi responsabilità di governo favorevole o contraria alla Tav. Ho dichiarato da subito di voler affrontare la questione senza atteggiamento pregiudiziale, essendo guidato da tutela cittadini”. “Il contratto di governo – ha proseguito – parla di ridiscussione integrale del progetto. Siamo qui e ci affatichiamo tanto per ragionare di questo. Stiamo dando attuazione al contratto di governo, ci siamo impegnati in un’opera e una discussione prima tecnica e ovviamente politica di ridiscussione integrale dell’opera”. E ha sottolineato: “Ho sempre detto che il metodo di lavoro sul Tav sarebbe stato guidato dall’interesse dei cittadini e pretendo che questo strumento di lavoro sia perseguito fino alla fine”. L’analisi costi-benefici “Che piaccia o meno il professor Ponti ha fatto la sua analisi onorevolmente e in modo molto plausibile”, ha poi detto il premier parlando dello studio su costi e benefici dell’opera e sottolineando che “il punto di riferimento sono gli esperti nominati dal ministro Toninelli presso il Mit”. “Abbiamo operato – ha spiegato Conte – una sorta di stress test che è durato molte ore e se nei giorni scorsi io stesso avevo dubitato della fondatezza dell’elaborato, ieri dopo lo stress test durato molte ore mi sono convinto che l’elaborato con dovizia di particolari ci consegna una plausibile e fondata analisi” costi-benefici della Tav.

La tenuta del governo “Al tavolo dei decisori politici ieri fino a notte fonda si sono confrontati anche diversi orientamenti politici che restano tuttora contrapposti. Da una parte la Lega favorevole, dall’altra il Movimento che ha contrarietà. Le due forze legittimamente raccogliendo anche istanze del territorio hanno queste posizioni”, ha detto il premier, rimarcando però subito dopo: “Continuo a pensare che non ci siano rischi per il governo. Lo assumo come atto di responsabilità dei miei compagni di viaggio. “Escludo assolutamente che possa nascere da questo confronto schietto, serrato, una crisi di governo. Sarebbe assurdo. Lo escludo”. La soluzione “L’unica strada è proseguire, alla luce di ciò che emerso, alla luce dei forti dubbi emersi, e me ne assumo la responsabilità, l’unica strada che credo sia d’obbligo è procedere ad un’interlocuzione con i partner di questo progetto, Francia e Ue, per condividere questi dubbi e le perplessità”. Ed ha aggiunto: “A noi sembra che non si perda credibilità se si portano sul tavolo argomenti che ci spingono a interrogarci sull’attuale convenienza di un’opera concepita dieci anni fa. Condivideremo le nostre ragioni con gli altri partner”, Francia e Unione europea. Infine una frecciata: “”C’è un interrogativo che è emerso: cioè il criterio di finanziamento. Quest’opera è finanziata in buona parte dall’Italia, in misura più modesta dalla Francia e poi dalla Ue. Il fatto che ci sia iniqua ripartizione oneri è stata giustificata dal fatto che la nostra tratta è più contenuta. Ma al momento non risultano opere nazionali francesi. E’ chiaro che allo stato il criterio di ripartizione finanziamenti non appare equo, va approfondito”.

Di Maio: non sono disposto a mettere in discussione il nostro no alla Tav “Ringrazio il presidente Conte per le parole di responsabilità espresse sul progetto Tav. In ogni passo di questo governo l’obiettivo è uno e sempre uno: l’interesse nazionale”. Lo ha detto il vicepremier Luigi Di Maio. E poi: “Non sono disposto a mettere in discussione il nostro no alla Tav”. Secondo quanto si apprende lo avrebbe detto Luigi Di Maio all’assemblea dei parlamentari M5s, che ha risposto con un lungo applauso. “Per noi – ha aggiunto – i bandi devono essere sospesi proprio perché stiamo ridiscutendo l’opera, come previsto dal contratto”. Lo scontro con Salvini “Abbiamo solo chiesto la sospensione dei bandi per un’opera vecchia di 20 anni, lo abbiamo chiesto perché previsto dal contratto siglato tra M5S e Lega.
E cosa fa Salvini? Oltre a forzare una violazione del contratto minaccia pure di far cadere il governo? Se ne assuma le responsabilità di fronte a milioni di italiani”. Lo afferma il vicepresidente e ministro Luigi Di Maio, in riferimento alle dichiarazioni di Matteo Salvini.

Salvini: Italia vada avanti, bisogna sbloccare “L’Italia ha bisogno di più infrastrutture, più strade, più ferrovie. Dobbiamo andare avanti bisogna sbloccare, aprire, scavare”. Lo ha detto il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, a “Dritto e rovescio” su Rete4. “Non sono uno – aggiunge – che si sposta a seconda delle convenienze o dei sondaggi. Conto di continuare a fare il ministro con questa formazione, a meno che i ‘no’ diventino troppi”.

Di Maio ha ribadito il suo no? “Vediamo chi ha la testa più dura, io sono cocciuto e sono pronto ad andare fino in fondo”, replica Salvini a “Dritto e rovescio”. E dunque il governo cadrà? “Farò di tutto – ha risposto – affinché non accada”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui