La svolta arriva nella notte quando, incalzato dalle domande degli inquirenti il compagno di Laura crolla e confessa: “Sono stato io, l’ho uccisa io”.

“Sei un assassino!”, “Devi marcire in carcere”. ‘Hai ammazzato una ragazza, maledetto’.
Sono solo alcune delle grida rivolte nel cuore della notte dalla folla a Paolo Cugno.

L’uomo è stato trasferito nella notte dalla caserma dei Carabinieri al carcere dove è rinchiuso con l’accusa di omicidio. Cugno nella tarda serata di ieri ha confessato di avere accoltellato la sua compagna dopo l’ennesima lite e di avere poi gettato il suo corpo in un pozzo artesiano nella campagna di famiglia.

Il giovane ha raccontato agli inquirenti quanto accaduto nella serata di sabato.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui