Per il Napoli capolista arriva la prima sconfitta stasera a Milano. Partenopei in rete al 17’ Zielinski e al 78’ Mertens. Per i nerazzurri di Inzaghi gol al 25’ su rigore Calhanoglu, al 44’ Perisic, e al 61’ Lautaro Martinez. In classifica il Napoli di Spalletti rimane primo a pari merito con il Milan a quota 32 punti. L’Inter guadagna 3 punti e sale a 28, meno quattro dalla vetta.

Dopo il Milan, dunque cade per la prima volta anche il Napoli. La squadra di Simone Inzaghi ha due punti in meno a parità di giornate dell’ultima Inter di Conte, e allo stesso tempo torna a vincere il primo scontro diretto proprio contro il Napoli, come nella scorsa stagione. Ma l’inizio di gara è dei peggiori. Dopo quattro trasferte di campionato a secco contro l’Inter, la squadra partenopea torna a sbloccarsi nella San Siro nerazzurra dopo appena 17′. Fa tutto Zielinski che ruba palla a Barella e si fa trovare pronto per la conclusione a rete da fuori area dopo l’assist di Insigne.

Ma l’Inter è viva e prima dell’intervallo ribalta il risultato. La rete del pareggio arriva al 23′, grazie ad un episodio da moviola: Koulibaly devia col braccio un tiro di Barella e l’arbitro Valeri ha bisogno del Var per assegnare il rigore che Calhanoglu non sbaglia. Per assistere al vantaggio nerazzurro bisogna invece aspettare il 44′: Perisic di testa da posizione defilata anticipa tutti sul calcio d’angolo di Calhanoglu e fa vibrare l’orologio di Valeri che assegna il 2-1. A complicare ulteriormente le cose in casa Napoli ci pensa al 55′ lo scontro tra Skriniar e Osimhen: l’attaccante ha la peggio, l’occhio si gonfia, spazio a Petagna.

E a trovare il gol è sempre l’Inter. Al 62′ Correa fa 65 metri di campo e serve Lautaro Martinez che col diagonale fulmina Ospina e torna al gol che mancava dal 2 ottobre in campionato. Nel finale però c’è ancora partita. Mertens – subentrato a Insigne – al 78′ firma il gol della speranza con un grande destro da fuori area sotto l’incrocio. Grosso spavento invece per Ospina e Dzeko, a terra dopo uno scontro.

C’è spazio per due chance. Prima Mario Rui: colpo di testa a botta sicura, miracolo di Handanovic e palla sulla traversa e poi fuori. Infine Mertens che non sfrutta un cross dopo una giocata sublime di Anguissa.

A cura di Roberto D’Orazi – Foto Lapresse

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui