Inter di Spalletti senza continuità e stadio il Meazza rimane ancora quasi a secco (1 punto in due gare): gran colpo invece del Parma nel primo anticipo della quarta giornata del campionato di serie A.

Con questo successo i ducali neo-promossi agganciano a quota 4 proprio i nerazzurri, attesi martedì dal debutto in Champions contro il Tottenham. P

essione non asfissiante dei padroni di casa, privi di due importanti terminali offensivi come Icardi inizialmente in panca, Lautaro Martinez infortunato. Sepe ferma i tentativi di Candreva e Keita, al 27′ Perisic prolunga ottimamente di testa su corner ma gli accorrenti (sul secondo palo) Skriniar e D’Ambrosio mancano incredibilmente il tap-in vincente da due passi.

Il Parma si fa notare con un sinistro di Inglese e con due belle percussioni di Gervinho. Un’occasione a testa in avvio ripresa (subito dentro Icardi al posto di Keita Balde): Handanovic vola su Stulac (48’), Dimarco quasi sulla linea nega il gol a Perisic (57’).

Al 73’ botta secca di Nainggolan dal limite: Sepe respinge con qualche affanno, Bruno Alves spazza. Finale col botto: il palo salva Gagliolo dall’autogol (su testa Perisic), al 79’ il missile di sinistro dell’ex Dimarco affonda Spalletti e regala al Parma tre punti pesantissimi che accendono subito le prime polemiche in casa neroazzurra.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui