Partita dalle mille emozioni al ‘Luigi Ferraris’ di Marassi, dove il Genoa pareggia con l’Udinese per 2-2.
Si sblocca invece il Frosinone che coglie a sorpresa il primo successo in campionato sul terreno di una Spal lanciatissima dopo il successo in casa della Roma: sulla ruota del ‘Mazza’ esce un rotondo 3-0 per i ciociari.
Arrivs la seconda sconfitta di fila per Gian Piero Ventura sulla panchina del Chievo: alla ‘Sardegna Arena’ il Cagliari si impone 2-1.

Questi i risultati dei tre match domenicali delle ore 15 della decima giornata di serie A.

Genoa-Udinese 2-2 Grifone a 14 punti nella settimana che precede il recupero di mercoledì in casa del Milan (partita della prima giornata rinviata per il crollo del ponte Morandi). Friulani, in completo dorato, a quota 9. Bessa al 9′ si divora un gol schiacciando fuori di testa da posizione favorevolissima. Sull’altro fronte, sempre di testa Lasagna chiama Radu alla deviazione in corner. Su punizione dal limite, Cristico impegna Musso. Al 31’ il debuttante portiere dei friulani esce fuori tempo su Bessa, tra l’altro in zona non particolarmente pericolosa dell’area, e causa il rigore che Romulo trasforma spiazzando lo stesso Musso, Genoa avanti (32’). La reazione dell’Udinese è in un tiro di De Paul al 40’ che Radu alza sopra la traversa. Nel secondo tempo il ritmo cala, fino a quando la squadra di Velazquez agguanta il pareggio con un corner battuto velocemente: De Paul riceve e crossa, Lasagna batte Romero in elevazione e schiaccia in rete (65’). Romero si fa perdonare immediatamente andando a concludere in rete sempre di testa un corner di Bessa seguente a deviazione di Musso su conclusione dello stesso brasiliano (67’). La partita esplode. Al 70’ De Paul pennella un capolavoro: un destro a girare che va a morire all’incrocio dei pali dell’incolpevole Radu. Romero sempre protagonista: al 74’ colleziona il secondo cartellino giallo e lascia il Genoa in dieci. L’Udinese prova a vincerla; Mandragora (dall’80’ per Barak) si dà da fare, ma Radu non si lascia mai sorprendere.

Cagliari-Chievo 2-1 Con la vittoria, i rossoblù sardi salgono a 13 punti, mentre il Chievo resta inchiodati all’ultimo posto a -1, in virtù dei 3 punti di penalizzazione per la questione delle plusvalenze. Al 10’, Pavoletti gira di poco a lato un invito di Castro. Pavoletti al 15’ incorna in rete un calcio d’angolo di Joao Pedro, bruciando Cesar nello stacco per il vantaggio del Cagliari. Chance per pareggiare per gli ospiti allo scadere del primo tempo: Giaccherini innesca Depaoli il cui diagonale termina fuori di poco. Nella ripresa, al 59’, arriva il raddoppio rossoblù su azione di Padoin e sponda di Pavoletti per Castro che da fuori area lascia partire un destro su cui Sorrentino non arriva. Al 79’ il Chievo prova a tornare in partita: l’infaticabile Depaoli pesca con un traversone Stepinski che di testa fa secco Cragno. Ma è tardi per raddrizzare il match. Ventura incassa la seconda sconfitta di fila da quando è arrivato sulla panchina gialloblù.

Spal-Frosinone 0-3 Reduce dall’impresa dell’Olimpico, la squadra di Semplici incassa un’inattesa sconfitta al cospetto di una squadra che non aveva ancora vinto: i ciociari avevano l’attacco più sterile (appena 6 gol all’attivo) e la difesa più battuta (24 reti al passivo): in una partita segnano 3 volte mantenendo la porta inviolata. Per gli estensi i punti sono 12, per gli uomini di Longo 5, penultimo posto. La partita la fanno gli estensi con il loro gioco fatto di possesso palla e passaggi fitti. I ritmi sono alti e fioccano i falli (nel primo tempo cinque le ammonizioni, saranno nove complessivamente). Dopo un gol con la mano e in fuorigioco (costatogli l’ammonizione), Chibsah al 40’ porta in vantaggio i ciociari: corner dalla sinistra di Ciano, zuccata vincente del centrocampista ghanese. Il raddoppio degli ospiti arriva in avvio di ripresa, quando Campbell serve Ciano che di precisione batte Gomis. Il Frosinone cala addirittura il tris con Pinamonti all’89’.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui