La Fiorentina, senza brillare, si rimette in marcia dopo il discusso ko in casa dell’Inter, un Piatek inarrestabile che firma la sua prima doppietta affonda il Frosinone e mette le ali al Genoa, Zaza entra e firma all’88’ il colpo del Toro al ‘Bentegodi: sono queste le tre istantanee del pomeriggio domenicale.

Fiorentina-Atalanta 2-0 L’Atalanta gioca, la Fiorentina segna e vince (2-0): così va il calcio. La squadra di Pioli sale al terzo posto a -2 dal Napoli, quella di Gasperini continua nella sua astinenza, visto che non riesce ad ottenere tre punti dal giorno del debutto in campionato (20 agosto, 4-0 al Frosinone, poi solo tre pareggi). Primi 45’ bloccati, leggermente meglio gli ospiti minacciosi con Duvan Zapata e Gomez. Per i viola una conclusione in avvio (3’) di Benassi bloccata da Gollini e nulla più. Gara per ora deludente e senza brividi. Il match si sblocca al 62’: percussione a tutta velocità di Chiesa con la difesa orobica scoperta, Toloi ostruisce la corsa dell’attaccante viola (fallo tutt’altro che solare) e Valeri decreta il rigore. Grandi proteste nerazzurre, via auricolare l’arbitro riceve conferma dal Var e dal dischetto esegue Veretout, mandando pallone da una parte e portiere dall’altra. Due pessime uscite di Lafont (72’ e 77’) per poco non regalano il pari al neo entrato Rigoni e a Duvan Zapata, che sfiorano di pochissimo il bersaglio. Il numero uno di Pioli si riscatta però all’85’ smanacciando la velenosa girata del Gomez, con Pezzella che spazza via evitando altri brividi. Il ‘Papu’ non si dà vinto e all’89’ spaventa ancora il ‘Franchi’ con un destro dal limite che fa la barba al palo. Invece del pareggio orobico, che sarebbe stato meritato, arriva nel recupero (94’) il 2-0 viola firmato su punizione da Biraghi, con Gollini che tocca ma non riesce ad evitare la rete (pallone abbondantemente oltre la linea).

Chievo-Torino 0-1 Primo tempo molto tattico e privo di emozioni. I gialloblù ci provano con Giaccherini e Rigoni, al 44’ prima sortita granata con il colpo di testa di Belotti che si perde a lato. Padroni di casa vicini al vantaggio ad inizio ripresa: su invito di Giaccherini, Leris conclude al volo sfiorando la traversa. Il Chievo però finisce qui e nell’ultimo quarto d’ora è solo Torino. Sorrentino salva su Ola Aina (75’) e Zaza (78’), ma all’88’ l’ex attaccante del Valencia ‘spacca’ il match segnando di sinistro su assist di Berenguer. Nel recupero (92’), Iago Falque spreca la chance del raddoppio. I granata salgono a quota 9, proprio a centro classifica, i clivensi di D’Anna restano ultimi a -1 con appena due pareggi e zero vittorie: la corsa alla salvezza, senza una scossa, rischia di diventare un affare complicatissimo.

Frosinone-Genoa 1-2
Radu vola su Zampano (3’), Romula calcia alto da ottima posizione (24’), poi si scatena Piatek con due gol in tre minuti (33’ e 36’), segnati entrambi su assist di Kouamè (ottima l’intesa tra i due). Per il talento polacco di Ballardini, già finito nel mirino di alcune big, è l’ottava rete in sette gare che equivale ad una ‘fuga’ nella classifica dei marcatori. Sotto due reti, i ciociari si scuotono nel finale di tempo: al 41’ Ciano accorcia su rigore (fallo di Spolli su Perica), al 46’ il palo nega il pareggio a Chibsah (destro dai 25 metri). La ripresa si apre con la rete divorata da Campbell (piatto debole e centrale) su cross di Zampano seguito da un velo di Ciofani. Grifone sfortunatissimo al 72’, con il doppio beffardo legno centrato da Kouamè (72’). La buona sorte non aiuta nemmeno il Frosinone: capocciata di Chibsah salvata sulla linea da Sandro con un intervento acrobatico (74’), Salamon non trova lo specchio su corner dopo un’uscita a vuoto di Radu (77’). Un’occasione a testa prima del triplice fischio: Sportiello si oppone a Hiljemark (87’), altro stacco senza fortuna di Salamon (93’). Grifone al sesto posto insieme alla Lazio (12 punti), si mette male per il Frosinone che trova la prima rete stagionale ma resta penultimo a quota 1.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui