TOP Header adv (728×90)
TOP Header adv (728×90)

SERIE A I RISULTATI

PARTITA TEMPO ORA
Milan 1-1 Sampdoria Risultato finale 12:30
Atalanta 3-2 Udinese Risultato finale 15:00
Lazio 2-1 Spezia Risultato finale 15:00
Napoli 4-3 Crotone Risultato finale 15:00
Genoa 1-1 Fiorentina Risultato finale 15:00
Cagliari 0-2 Hellas Verona Risultato finale 15:00
Benevento 2-2 Parma Risultato finale 15:00
Sassuolo 2-2 Roma Risultato finale 15:00
Torino 2-2 Juventus Risultato finale 18:00
Bologna 0-1 Inter Risultato finale 20:45

Il Milan pareggia 1-1 in casa con la Sampdoria e dice addio ai sogni scudetto. I rossoneri evitano in extremis il k.o. nel match che apre la 29esima giornata della Serie A. Il risultato, però, serve a poco al Diavolo, sempre più lontano dal tricolore. La Samp, virtualmente già salva a quota 36, sblocca il risultato grazie al gol che Quagliarella realizza al 57′ sfruttando un colossale errore di Theo Hernandez. L’esterno del Milan regala palla all’attaccante blucerchiato, che da 25 metri non esita e calcia di prima intenzione: morbido pallonetto che beffa Donnarumma, 1-0. Il Milan, già in difficoltà nella prima frazione, avrebbe mezz’ora per raddrizzare la partita.

La formazione di casa, in superiorità numerica per l’espulsione di Adrien Silva al 59′, si getta in avanti e trova il pareggio nel finale. All’87’ Hauge si libera di Candreva e azzecca il destro che batte Audero: 1-1. Nel recupero, Kessie sbatte contro il palo: il Diavolo  sale a 60 punti nella classifica che l’Inter guida a quota 65. I nerazzurri, con 2 gare in meno, possono prendere definitivamente il largo. Continua la marcia dell’Atalanta verso la zona Champion con la vittoria sull’Udinese che esce a testa alta dopo una girandola di gol. La Lazio di Simone Inzaghi fatica non poco ad avere la meglio su di uno Spezia molto organizzato, i biancelesti affondono il colpo vincente solo nel finale. Il Napoli al Maradona riesce a piegare un ottimo Crotone.

Gattuso festeggia l’entrata dei partenopei in zona Champion. Pari al Franchi tra i liguri e i toscani, un punto salutare per la salvezza quasi matematica. Il Cagliari affonda in casa contro l’Hellas Verona. I sardi come lo stesso Benevento verso la loro condanna in serie B. I campani contro gli Emiliani avevano bisogno dei tre punti per nutrire una piccola speranza, invece il Parma con volontà è riuscito a strappare un punto speranza. La Roma passata in vantaggio per ben due volte al Mapei, si fa riprendere dai padroni di casa mai domi.

Il derby della Mole all’Olimpico termina con un risultato di parità. Bianconeri in vantaggio e poi raggiunti dal Toro, che non si accontenta e trova caparbiamente anche il gol del vantaggio. I granata reggono fino a dieci minuti dal termine, fino a quando dopo un pressing continuativo della Juventus, Ronaldo rimedia il 2-2.

L’Inter vince 1-0 a Bologna e si cuce lo scudetto sulla maglia. Il gol di Lukaku vale 3 punti e soprattutto vale un vantaggio enorme in classifica dopo 29 giornate. I nerazzurri volano a 68 punti, con 8 lunghezze sul Milan e una partita da recuperare. Per la formazione di Conte, si tratta di un’ipoteca sul titolo. L’Inter, dopo il mezzo passo falso del Milan fermato sull’1-1 dalla Samp, non spreca la chance di consolidare la fuga. A Bologna, la capolista deve fare i conti con il vivace avvio dei padroni di casa, che si fanno vivi con le iniziative di Soriano e Barrow. L’Inter entra gradualmente in partita e al 29′ colpisce. Cross di Bastoni, colpo di testa di Lukaku che è il più veloce a piombare sul pallone respinto da Ravaglia sul palo: 0-1. Il vantaggio consente all’Inter di scrivere il copione tattico preferito, copertura degli spazi e davanti palla ai due attaccanti. Al 50′ si accende Lautaro: servito da Brozovic, l’argentino centra il palo. Il Bologna fatica a rendersi pericoloso dalle parti di Handanovic, l’Inter conduce la vittoria in porto e vola verso lo scudetto.

La Redazione giornalistica – Foto Imagoeconomica

Articoli correlati

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *