Che siano stati o meno dei balordi, rimane il fatto che l’atto vuole essere intimidatorio: solo alcuni giorni fa, davanti alla scuola Falcone, allo Zen di Palermo, la statua del magistrato vittima della mafia era stata danneggiata e la testa di Falcone decapitata.

Questa mattina, un altro atto angosciante: un uccello con la testa mozzata ritrovato nel cortile dell’istituto. Sul posto c’è la polizia.

Dopo il danneggiamento del busto di Falcone, la sorella del giudice aveva chiesto di esercitare una maggiore vigilanza in quella zona. La scuola infatti si trova in un quartiere ad alta incidenza criminale e questi non sono i primi danneggiamenti che subisce. La statua era già stata recintata ed era stato attivato anche un sistema di videosorveglianza che, però, al momento non risulta funzionante.

Oggi pomeriggio si attende la visita del ministro dell’Istruzione Fedeli, che incontrerà la preside dell’istituto Daniela Lo Verde.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui