TOP Header adv (728×90)

ROGHI A L’AQUILA GENTE IN STRADA

A l’Aquila è stata una notte di terrore. Il fronte dell’incendio si è allargato avvicinandosi sempre più al centro abitato con i cittadini scesi lungo le vie. E’ stata una notte insomma di grandissima preoccupazione all’Aquila per l’incendio, di origine dolosa, che sta flagellando il monte di fronte al popoloso quartiere di Pettino.

C’è timore che le fiamme possano arrivare alla zona di Madonna Fore e San Giuliano, molto frequentata dagli aquilani, già colpita dal rogo devastante del 2007. Le operazioni di spegnimento con canadair ed elicotteri sono riprese proprio questa mattina all’alba. Secondo le informazioni, sono circa 300 le persone che stanno operando nel fronte aquilano e su quello, che deve comunque essere monitorato perché non domato, divampato per primo nella collina che sovrasta la frazione aquilana di Arischia. Sul posto oltre ai vigili del fioco, protezione civile, volontari, esercito, forze dell’ordine e polizia locale.

Intanto, vanno avanti le indagini e la inchiesta per individuare i piromani.

Incendio vicino A14
E’ stato temporaneamente chiuso il tratto compreso tra Vasto Nord e Vasto Sud in entrambe le direzioni a causa di un incendio in area limitrofa all’autostrada, all’altezza del km 456. Sul posto sono intervenuti vigili del fuoco, soccorsi sanitari, pattuglie della polizia stradale e il personale di Autostrade per l’Italia della direzione di Tronco di Pescara. Il traffico è bloccato e si registra un chilometro di coda in entrambe le direzioni.

Fiamme vicino ai binari:
Stop di 4 ore sulla linea Pescara-Termoli. E un altro incendio è divampato stanotte in Abruzzo. Il traffico fra Vasto San Salvo e Montenero, sulla linea Pescara-Termoli, è stato sospeso dalle 3.45 alle 7.40. Adesso, fa sapere Ferrovie, la circolazione è ripresa e sta tornando gradualmente alla normalità. Il transito dei convogli e’ ripreso dopo il nulla osta dei vigili del fuoco e i controlli all’infrastruttura da parte dei tecnici di Rete Ferroviaria Italiana.

Durante l’interruzione due treni hanno registrato fino a 25 minuti di ritardo, mentre due Intercity hanno maturato oltre tre ore di ritardo; cinque treni regionali sono stati cancellati totalmente o per parte del percorso.

Il Direttore editoriale Carlo Costantini – Foto Ansa

Articoli correlati

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *