Afghanistan. Rimpatrio Italiani atterrato aereo militare Daniele Leone/Ag.Toiati

L’aereo Kc767 dell’Aeronautica Militare con 74 persone a bordo proveniente da Kabul è atterrato a Fiumicino alle 14.28. Sull’aereo personale dell’ambasciata, connazionali che si trovavano in Afghanistan ed una ventina di ex collaboratori afghani a rischio ritorsioni se fossero rimasti in patria.

E’ il primo volo del ponte aereo messo a punto dalla Difesa per evacuare i connazionali dall’Afghanistan. C’è anche l’ambasciatore italiano a Kabul, Vittorio Sandalli, tra i diplomatici atterrati all’aeroporto di Fiumicino insieme agli ex collaboratori afghani che, effettuati i test anti Covid, saranno fatti salire su un pullman  diretto nella base logistica dell’Esercito a Roccaraso, che già ha ospitato un gruppo di afghani atterrati nelle scorse settimane.

Il volo – spiega una nota congiunta dei ministeri degli Esteri e della Difesa – partito nella giornata di ieri, “rientra nel piano per riportare in patria il personale dell’ambasciata italiana e nell’operazione ‘Aquila Omnia’ per portare in Italia gli ex collaboratori afgani con loro famiglie.
Piano e operazione pianificati e diretti dal Comando operativo di vertice interforze (COVI), comandato dal generale di Corpo d’Armata Luciano Portolano, ed eseguito dal Joint Force Headquarter (JFHQ), elemento operativo del COVI con la collaborazione per la prima accoglienza e il supporto sanitario della Croce rossa italiana”.

Contestualmente e successivamente all’evacuazione del personale diplomatico e connazionale, proseguirà il lavoro di coordinamento del Team militare del COVI, con l’operazione ‘Aquila Omnia’, per l’evacuazione umanitaria dall’Afghanistan dei collaboratori afgani del ministero della Difesa e del ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale, nel più breve tempo possibile, attraverso un ponte aereo assicurato da aerei KC767 dell’Aeronautica Militare.

A cura di Elisabetta Turci – Foto Imagoeconomica

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui