TOP Header adv (728×90)
TOP Header adv (728×90)

RADIO POPOLANO /DANIELE SILVESTRI

Daniele Silvestri nasce il 18 agosto 1968 a Roma, figlio di Alberto, sceneggiatore e autore televisivo. Il suo debutto avviene nel 1994 con l’album “Daniele Silvestri”, che gli vale la “Targa Tenco” per il miglior disco d’esordio.

L’anno successivo prende parte, con “L’uomo col megafono”, al Festival di Sanremo tra le nuove proposte, e si aggiudica il premio della critica “Volare” per il miglior testo letterario. Il brano farà parte del suo secondo disco, “Prima di essere un uomo”, insieme con “Le cose in comune”, vincitrice della “Targa Tenco”. Dopo aver firmato la colonna sonora di “Cuori al verde”, film di Giuseppe Piccioni, e aver ricevuto il Premio Nazionale Eti Giovani per il Teatro, pubblica nel 1996 “Il dado”, doppio album in cui suona anche Max Gazzè al basso, e che comprende “Cohiba”, una delle sue canzoni più famose, ispirate alla figura di Che Guevara e alla Rivoluzione Cubana.

Cantante e attore in “Rosso fiammante bloccato neve dubbi vetro tesi infinito” al fianco di Rocco Papaleo, scrive la colonna sonora del “Frankenstelnmusical”, protagonista Tullio Solenghi. Un viaggio a Cuba, con tanto di partecipazione al Festival della Gioventù Comunista, anticipa “Barbara”, film di Angelo Orlando di cui firma parte della colonna sonora (e in cui recita brevemente nel ruolo di se stesso).

Nel 1999 Silvestri torna a Sanremo con “Aria”, che gli regala il premio “Mia Martini” della critica. Seguono la pubblicazione di “Sig. Dapatas”, quarto disco, e la realizzazione delle musiche del film “Albania”, con Giancarlo Giannini. Dopo aver firmato, nel 2000, le musiche dello spettacolo teatrale “Tango”, ispirato alla vicenda dei desaparecidos argentini, pubblica la raccolta “Occhi da orientale – Il meglio di Daniele Silvestri”.

Nel 2002, il cantautore torna al Festival di Sanremo con “Salirò”: il brano si classifica solo al quattordicesimo posto, ma – complice la messa in scena con la partecipazione di Fabio Ferri – ottiene immediatamente un eccezionale successo di pubblico. Oltre a vincere il premio “Mia Martini”, Silvestri si aggiudica quattro Italian Music Awards per la migliore composizione musicale, il miglior videoclip, il miglior singolo e il miglior arrangiamento.

Il sesto album, “Unò-duè”, accompagnato dai singoli “Il mio nemico” e “Sempre di domenica”, anticipa la pubblicazione di “L’autostrada”, libro che racconta il tour appena concluso e l’attività musicale di Silvestri con pagine di diario, testi inediti e fotografie.

Vincitore del Premio Amnesty Italia grazie a “Il mio nemico” (che nel 2012 sarà scelto per far parte della colonna sonora del film di Massimiliano Bruno “Viva l’Italia”), Daniele pubblica nel 2004 “Livre trânsito”, il suo primo live, che include l’inedito “Kunta Kinte”, realizzato con Frankie HI-NRG, e due brani scritti per altri: “Il fiume e la nebbia”, per Fiorella Mannoia, e “Il secondo da sinistra”, per Mina.

Nel 2007 si presenta nuovamente a Sanremo, con “La paranza” che arriva al quarto posto, e che precede “Il latitante”, il suo ottavo disco: il singolo “Mi persi” viene scelto per la colonna sonora di “Notturno bus”, film con Giovanna Mezzogiorno e Valerio Mastandrea, e ottiene un David di Donatello per la miglior canzone originale. Mentre “Gino e l’Alfetta” viene adottata per il Gay Pride di Roma del 2007 come inno nazionale, la raccolta “Monetine”, uscita nel 2008, propone la cover di “Una giornata al mare” di Paolo Conte.

Il nuovo disco di inediti arriva solo nel 2011 con “S.C.O.T.C.H.”, realizzato con la collaborazione, tra l’altro, di Stefano Bollani, Niccolò Fabi, Andrea Camilleri e Peppe Servillo. Autore di “Il viaggio (pochi grammi di coraggio)”, colonna sonora del film “Immaturi – Il viaggio”, Daniele Silvestri scrive i testi e le musiche di “Capitan Kuk”, da cui viene tratto anche un musical. Il 17 giugno del 2012 sposa Lisa Lelli, mentre a dicembre ufficializza la propria partecipazione al Festival di Sanremo 2013: sul palco dell’Ariston proporrà i brani “Il bisogno di te” e “A bocca chiusa”.

Torna a Sanremo 2019 in coppia con il rapper Rancore, presentando il brano “Argentovivo”; si classifica al 6° posto e vince il Premio della Critica “Mia Martini”, il Premio della Sala Stampa “Lucio Dalla” e il Premio “Sergio Bardotti” per il miglior testo. Nel luglio successivo la canzone viene premiata con la Targa Tenco.

La Redazione giornalistica – Foto Ansa

Articoli correlati

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *