Michel Platini

Domenica 20 novembre (inaugurazione alle ore 17 con Qatar-Ecuador) iniziano i campionati del mondo, che termineranno il 18 dicembre. Sfumata l’ipotesi astratta che “escludeva” l’Iran, si giocheranno senza la nazionale azzurra. Quest’articolo è dedicato ai patiti del pallone che guarderanno il Mondiale sul divano – senza troppo stress – e, certamente, tiferanno per i colori di un’altra nazionale. Detto ciò, oltre all’Italia, come “mera consolazione”, sono diverse le grandi Nazionali di oggi che in passato hanno dovuto fare i conti con la mancata qualificazione al Mondiale.

Facciamo una carrellata sulle più clamorose. Belgio. La crescita recente del Belgio è passata attraverso momenti certamente complicati. Su tutti c’è il doppio mancato approdo ai Mondiali del 2006 e del 2010. Due passaggi a vuoto prima di centrare i quarti in Brasile nel 2014 e un brillante terzo posto in Russia nel 2018. Uruguay. Prima di diventare un abituale cliente della fase finale dei Mondiali, l’Uruguay aveva rimediato una clamorosa eliminazione in Germania nel 2006, chiudendo il girone di qualificazione sudamericano al quinto posto. Qualificatasi per lo spareggio interzona, la “Celeste” – che tra le proprie fila vantava anche i vari Recoba, Montero e Carini – è stata sconfitta nel doppio confronto dall’Australia, a sua volta eliminata dall’Italia agli ottavi di finale del Mondiale tedesco. 

Olanda. Non sono mancate le delusioni anche in casa Orange. – La Nazionale olandese, infatti, dopo il mancato accesso al torneo organizzato in Corea del Sud e Giappone nel 2002, con Van Gaal in panchina, ha dovuto fare i conti anche con una cocente eliminazione nel percorso di qualificazione in Russia nel 2018, quando alla guida c’era Ronald Koeman. Portogallo. Staccato il pass per il Qatar nel finale playoff contro la Macedonia del Nord, il Portogallo, negli anni ’90, ha fallito la qualificazione a tre Mondiali consecutivi. I lusitani, infatti, dopo aver alzato bandiera bianca nel 1990 e nel 1994, hanno vissuto da spettatori anche la rassegna della Francia nel 1998 nonostante la presenza in squadra di stelle come Rui Costa e Figo

Inghilterra. La nazionale inglese, dopo il brillante quarto posto conquistato quattro anni prima in Italia, ha fallito l’accesso alla fase finale del Mondiale successivo disputato negli Stati Uniti nel 1994, poi vinto dal Brasile. L’Inghilterra dei “Tre Leoni” era guidata da Terry Venables

Francia. Prima di salire sul tetto nel Mondiale disputato in casa nel 1998, la Francia ha fallito due qualificazioni consecutive alla fase finale della massima rassegna iridata. Per “Les Bleus” niente partecipazione a Italia ‘90, con Platini Ct, e nemmeno in USA nel 1994. Italia. Grazie alla mancata qualificazione a Qatar 2022, purtroppo, ci sarà un’intera generazione di ragazzi che non vedrà la Nazionale italiana partecipare ai Mondiali fino al 2026. Pazienza, ce ne faremo una ragione!

Il vice Direttore Ugo Vandelli – Foto Getty Image

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui