In lotta con le Poste italiane da diversi anni per riuscire a incassare il controvalore di due Buoni Fruttiferi Postali, emessi nel 1983 e con scadenza a trenta anni, esigibili dal 2013.
Dei 90mila euro maturati, però, finora non è riuscita a vedere nemmeno l’ombra.
La donna aveva sottoscritto i buoni, cointestati, in un ufficio postale del territorio a sud del comune di Città di Castello.
Dopo tante battaglie andate a vuoto che la donna sta conducendo, senza alcun risultato, la stessa ha deciso di rivolgersi agli avvocati Dario Pellegrini e Andrea Serafini dell’Associazione consumatori Adic (ex Acu Umbria) affinchè potessero assisterla in questa delicata vicenda, ora sta indagando anche la procura di Perugia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui