ENRICO VARRIALE GIORNALISTA

Si sta complicando e non poco la situazione giudiziaria di Enrico Varriale, giornalista di Rai Sport sotto indagine per lesioni e stalking ai danni della sua ex compagna.

Secondo quanto riferito oggi dal quotidiano Repubblica, il pubblico ministero Gabriella Fazi ha infatti chiesto per il processo con rito immediato per i presunti reati commessi dal giornalista: non si passerebbe, dunque, dall’udienza preliminare, una procedura che solitamente viene seguita in caso di presenza di prove significative.

L’avvocato difensore di Varriale, Fabio Lattanzi, non ha voluto commentare la richiesta del pm nei confronti del suo assistito, che già era stato oggetto di provvedimenti cautelari da parte del gip Monica Ciancio: il divieto di avvicinamento a meno di 300 metri dai luoghi frequentati dalla ex e il divieto di comunicare con lei, neanche per interposta persona.

I tifosi juventini scatenati sul web
La notizia della richiesta del rito immediato nei confronti di Varriale ha scatenato i social network e in particolare i tifosi della Juventus, che hanno attaccato pesantemente il giornalista di Rai Sport, da loro accusato di aver sempre tenuto posizioni anti-juventine.

“Il karma colpisce sempre”, scrive Babylon su Twitter. “Eh Bravo Varriale. Però dopo aver pianto per l’ennesima volta dell’arbitraggio contro il Napoli, adesso vai a piangere un po’ davanti al giudice quello vero, non quello sportivo. Ah, dimenticavo: è juventino”, il commento di Gimmoriso’.

“Una vita passata a fare insinuazioni, sospetti su certi ambienti, morali a go gò e poi guarda (se è vero e dico se…) ciò che gli succede”, commenta Gianni. E Vittorio aggiunge: “Caro Varriale mi sa che non ti rivedremo più in video”.

Ma tra gli utenti del web c’è anche chi chiede ai tifosi di non esagerare e rispettare la posizione del giornalista, ancora lontano da qualunque condanna. “A casa mia mi hanno insegnato a giudicare le persone dopo le sentenze – scrive Chiara -. L’attacco social che sta subendo Varriale è vergognoso! Finitela!”.

Ho conosciuto Enrico a San Siro durante un Milan – Cesena di una decade fa, sono convinto che ogni illazione nei suoi confronti da parte degli iscritti ai social, è non solo infondata, ma anche denigratoria che meriterebbe la censura. Varriale è persona colta per bene ed è sempre stato neutrale nel commentare la partire di calcio, come ritengo che certe accuse prenderanno una piega diversa per quanto riguarda la sua vita privata e che nessuno di noi ha il diritto di invadere.

Il Direttore editoriale Carlo Costantini – Foto Imagoeconomica

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui