Patrick Zaki è libero. E’ stato scarcerato dal commissariato di Mansura dopo 22 mesi di detenzione. Uscito dal commissariato, lo studente egiziano dell’Università di Bologna ha pronunciato poche parole in italiano: “Tutto bene, forza Bologna”. Zaki è dunque a piede libero, ma attende la prossima udienza del processo che lo vede imputato, fissata per il prossimo primo febbraio.

“Voglio dire molte grazie agli italiani, a Bologna, all’Università, ai miei colleghi, a chiunque mi abbia sostenuto”. “Sto aspettando, vedrò nei prossimi giorni cosa succede: voglio essere in Italia il prima possibile, appena potrò andrò direttamente a Bologna, la mia città, la mia gente, la mia università”. Lo ha detto Patrick Zaki, parlando con le agenzie di stampa subito dopo il suo rilascio nella casa della famiglia a Mansura.

A cura di Stefano Severini – Foto Imagoeconomica

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui