E’ difficile dire cosa si prova davanti a simili storie: a Vespolate, in provincia di Novara, un padre ha ucciso il figlio disabile nel sonno e poi ha tentato il suicidio.

Una terribile tragedia, che lascia intravedere solo la punta di un iceberg fatto di disperazione, frustrazione e paura. Attraverso le prime informazioni giunte, si è scoperto come il padre, un cinquantenne rimasto vedovo un anno e mezzo fa, temesse per il futuro del figlio, che sarebbe rimasto solo quando fosse venuto a mancare lui; così, in preda all’angoscia, ha deciso di uccidere il suo ragazzo e di farla finita.

L’uomo è ora ricoverato in gravi condizioni all’ospedale di Novara.

L’esatta dinamica dei fatti deve ancora essere ricostruita nella sua interezza, ma secondo una prima ricostruzione, il cinquantenne avrebbe soffocato nel sonno il figlio, tentando poi di uccidersi con il gas.

Redazione IL POPOLANO

La Cesenate

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui