Orologio di Guerra 12 Maggio 2022

13.55 Johnson: Non penso si possano normalizzare i rapporti con Putin
Il premier britannico Boris Johnson ritiene che le relazioni con il presidente russo Vladimir Putin non possano essere “normalizzate”. “Nulla è impossibile, suppongo, ma non riesco proprio a vedere come possiamo rinormalizzare le relazioni con Putin ora”, ha detto il leader in un’intervista a Lbc, registrata ieri mentre visitava la Finlandia e la Svezia per firmare un accordo di cooperazione militare. Putin “ha gravemente violato i diritti umani, il diritto internazionale. È colpevole di un assalto assolutamente barbaro a un paese totalmente innocente”, ha aggiunto Johnson, sottolineando che normalizzare le relazioni “sarebbe commettere lo stesso errore fatto nel 2014 (a seguito dell’annessione della Crimea)”.
 
13:39
Kiev: In corso trattative per evacuare sanitari e feriti da Azovstal
Sono in corso le trattative per l’evacuazione degli operatori sanitari e dei feriti dell’acciaieria Azovstal. Lo ha annunciato il coordinatore delle azioni sui corridoi umanitari dell’ufficio del presidente ucraino, Tatiana Lomakina, in un messaggio su Telegram rilanciato dai media ucraini. Si tratta di circa 500 persone. 

13:34
A Mariupol prosegue l’attacco russo ad Azovstal
Le forze russe e i separatisti loro alleati stanno continuando ad attaccare l’area dell’acciaieria di Azovstal, dove sono trincerati gli ultimi difensori di Mariupol, nel tentativo di prenderne possesso. Lo ha dichiarato il leader dell’autoproclamata repubblica popolare del Donetsk, Denis Pushilin, che ha respinto la richiesta dei militari ucraini presenti nella struttura di essere estratti da personale di un Paese terzo.

13:27
Putin: L’Occidente sacrifica il resto del mondo sull’altare delle sanzioni
La perseveranza ossessiva dell’Occidente nelle sanzioni contro la Russia porterà inevitabilmente alle conseguenze più complesse e irrisolvibili, ha affermato il presidente russo Vladimir Putin. “Ovviamente, per leggi economiche oggettive, il proseguimento dell’ossessione per le sanzioni, se così si può dire, porterà inevitabilmente alle conseguenze più complesse e non risolvibili per l’Unione Europea, per i suoi cittadini, nonché per i Paesi più poveri del mondo, che stanno già affrontando i rischi della carestia”, ha detto Putin in un incontro sulle questioni economiche. Il leader del Cremlino ha sottolineato che “la colpa di questo è interamente delle élite dei paesi occidentali, che sono pronte a sacrificare il resto del mondo per mantenere il loro dominio globale”. 

12:42
Ue: Il Consiglio Affari esteri di lunedì potrebbe affrontare la questione delle sanzioni
“La questione dell’Ucraina e l’impatto negativo dell’aggressione russa all’Ucraina” saranno uno dei temi del Consiglio Affari Esteri di lunedì ma “non faremo anticipazioni o diremo che la questione (delle sanzioni) sarà affrontata o meno dai ministri degli Esteri. Se c’è la necessità di portare il pacchetto a un livello politico superiore ovviamente il Consiglio Esteri è una delle piattaforme dove tale intervento potrebbe essere fatto”. Così il portavoce della Commissione europea per gli affari esteri, Peter Stano.

12:38
Media: La Svezia presenterà domanda di adesione alla Nato lunedì
Il governo svedese terrà una riunione straordinaria lunedì 16 per prendere una decisione formale sulla domanda di adesione alla Nato. Lo riporta il quotidiano svedese Expressen citando fonti informate. Subito dopo l’incontro, verrà presentata la domanda, se non si verificheranno imprevisti.

12:36
Cremlino: Nessuna novità sui negoziati
In merito alla situazione dei negoziati “non è cambiato nulla”. Lo ha detto il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov. 

12:03
Peskov: Valuteremo vicinanza delle basi Nato ai confini con la Finlandia”
La risposta della Russia all’entrata della Finlandia nella Nato “dipenderà dalla vicinanza delle infrastrutture dell’alleanza ai confini” russi. Lo ha detto il Portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov. Mosca, ha comunque aggiunto Peskov, “adotterà le necessarie misure per garantire la propria sicurezza”. 

A cura di Stefano Severini – Foto Imagoeconomica

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui