All’alba del 24 febbraio 2022 Vladimir Putin ordina l’attacco: le forze russe penetrano in Ucraina da Nord – passando attraverso la compiacente Bielorussia -, dal confine russo a Est e, a Sud, dalla Crimea annessa da Mosca nel 2014. Quella che doveva essere, nelle intenzioni del Cremlino, una “operazione militare speciale” di pochi giorni per rovesciare il governo di Volodymyr Zelensky a Kiev si è trasformata in una lunga guerra di posizione con decine di migliaia di vittime – tra cui molti civili ucraini – e la distruzione di intere città. Il sesto mese di conflitto coincide oggi con la Festa dell’indipendenza ucraina, conquistata 31 anni fa in seguito al disfacimento dell’Unione sovietica dopo il crollo, nel 1989, del Muro di Berlino. Ma vere celebrazioni pubbliche non ci saranno, per il rischio di attacchi da parte russa: a Kiev è stato proibito qualsiasi assembramento. Oggi in Ucraina sarà comunque una giornata di aperta sfida alla Russia di Putin.

10:36 24 Agosto – Il conflitto in Ucraina è diventato un altro pretesto per gli Stati Uniti e i loro alleati per scatenare una guerra economica e mediatica contro la Russia. Lo ha denunciato il ministro della Difesa russo Serghei Shoigu intervenendo a una riunione dei ministri della Difesa dell’Organizzazine della Cooperazione di Shanghai (Sco), per cui ha auspicato “un crescente ruolo di nuovo centro di potere”.     “Oggi è stata scatenata una dura guerra di sanzioni e informazione contro la Russia.
E il conflitto in Ucraina è diventato solo un altro pretesto per questo”, ha dichiarato. “L’obiettivo degli Stati Uniti e dei suoi complici è l’esaurimento strategico della Russia per eliminare la concorrenza e lanciare un avvertimento agli altri Stati che perseguono una politica estera indipendente”, ha avvisato Shoigu.
Allo stesso tempo, il ministro ha sottolineato che la Russia ha compiuto “notevoli sforzi per formare le basi legali della stabilità in Europa nelle nuove condizioni”. “Tuttavia, l’Occidente, guidato da Washington, ha rifiutato di tenere conto delle nostre preoccupazioni sulle garanzie di sicurezza reciproca, principalmente sullo status neutrale dell’Ucraina”, ha aggiunto Shoigu.     “L’Ucraina è stata scelta come strumento di una guerra ibrida contro la Russia”, ha poi concluso il ministro.
Oltre alla Russia, della Sco fanno parte: India, Kazakistan, Cina, Kirghizistan, Pakistan, Tagikistan e Uzbekistan.

10:32 24 Agosto – “Vi faccio i miei più sentiti auguri per la vostra Festa nazionale. L’amicizia tra Italia e Ucraina è forte e si è rafforzata ulteriormente dopo la brutale invasione da parte della Russia. Il vostro coraggio, il vostro desiderio di vivere in un Paese libero e sovrano, il vostro attaccamento ai valori europei sono fonte di ispirazione per tutti noi”.

Lo dice il premier Mario Draghi in un videomessaggio rivolto al presidente Zelensky e ai cittadini ucraini in occasione della Festa nazionale dell’Ucraina.
“L’Italia è vicina al vostro popolo, alle famiglie delle vittime, ai milioni costretti a fuggire. Dall’inizio del conflitto, gli italiani hanno accolto migliaia di vostri concittadini nelle proprie case, con calore, affetto, generosità. Come ho detto durante la mia visita a Kiev, ricostruiremo tutto, insieme. Continueremo a essere al vostro fianco in questo cammino”.

10:07 24 Agosto – Mosca torna ad accusare gli Stati Uniti di sviluppare armi proibite in Ucraina. Secondo il ministro della Difesa, Serghei Shoigu, citato dall’agenzia Interfax, “il Pentagono ha finanziato oltre 30 laboratori ucraini dove sono state sviluppate componenti di armi biologiche”.
La Tass scrive che Shoigu ha anche accusato l’Occidente di usare l’Ucraina come “strumento di guerra ibrida” contro la Russia, ribadendo concetti già espressi, come quello secondo cui le armi fornite dall’occidente a Kiev prolungano la guerra e moltiplicano il numero delle vittime, e ha affermato che “l’operazione militare speciale procede secondo i piani”.

10:00 24 Agosto – Il Papa alla fine dell’udienza generale ha pregato per l’Ucraina, per “tanti innocenti che stanno pagando la pazzia, la pazzia di tutte le parti, perché la guerra è una pazzia”. “Penso ad una povera ragazza volata in aria per una bomba che era sotto il sedile della macchina a Mosca. Gli innocenti pagano la guerra”, ha detto il Ponteficeparlando dell’omicidio di Darya Dugina. “Auspico che si intraprendano passi concreti per mettere fine alla guerra e scongiurare il disastro nucleare a Zaporizhzhia”, ha detto ancora il Papa nell’udienza generale.

09:00 24 Agosto “Va affermata ancora una volta la necessità di una immediata cessazione delle ostilità per l’avvio di un processo negoziale in vista di una soluzione pacifica, giusta, equa e sostenibile per l’Ucraina”. Così Sergio Mattarella in un messaggio al Presidente dell’Ucraina Zelenskyy, in occasione della Festa nazionale del Paese.

“Desidero rinnovare, in quest’ora così drammatica l’espressione più convinta di solidarietà, vicinanza e sostegno della Repubblica Italiana all’Ucraina, impegnata a fronteggiare la brutale e ingiustificata aggressione operata da parte della Federazione Russa, contro la quale legittimamente resiste”, aggiunge.

A cura di Stefano Severini – Foto Imagoeconomica 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui