STUDENTI AI CORSI DI RECUPERO AL LICEO SCIENTIFICO VITTORINI IN VIA DONATI CORONAVIRUS, GLI STUDENTI TORNANO A SCUOLA PER I CORSI DI RECUPERO PRIMO GIORNO RIENTRO RITORNO NELLE SCUOLE CORSO LICEALE LICEALI STUDENTE BANCO BANCHI LEZIONE AULA CLASSE DOCENTE DISTANZA DI SICUREZZA DISTANZIAMENTO SOCIALE CON MASCHERINA MASCHERINE
Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità le mascherine “continuano ad essere uno strumento chiave contro il Covid-19: sono consigliate a seguito di una recente esposizione a Covid, quando qualcuno ha o sospetta di avere Covid, se si è ad alto rischio di Covid grave e per chiunque si trovi in uno spazio affollato, chiuso o scarsamente ventilato”.
L’Oms continua a raccomandare l’uso delle mascherine “in situazioni specifiche e l’aggiornamento ne raccomanda l’uso indipendentemente dalla situazione epidemiologica locale, data l’attuale diffusione del virus a livello globale”. Ridotti i giorni di isolamento per i positivi.
Per i contagiati senza sintomi, in particolare, così come già disposto in Italia, l’Oms suggerisce ora 5 giorni di isolamento invece di 10. Per gli asintomatici, dopo 5 giorni l’isolamento può finire anche senza tampone di uscita. Può invece terminare anche prima in presenza di un test antigenico negativo.
Senza test, per i pazienti con sintomi, le nuove linee guida dell’Oms suggeriscono 10 giorni di isolamento dalla data di insorgenza dei sintomi.
Tutti in calo i principali indicatori dell’epidemia di Covid-19 in Italia. Secondo il bollettino settimanale del ministero della Salute pubblicato oggi e relativo alla settimana 6-12 gennaio, sono 84.076 i nuovi casi positivi con una variazione di -38,2% rispetto alla settimana precedente (quando erano stati 135.990).
I deceduti sono 576, -25,7% rispetto alla settimana scorsa (775). Sono stati eseguiti 767.718 tamponi, con una variazione di -10,3% rispetto alla settimana precedente (855.823), ma il tasso di positività è comunque in calo, all’11% con una variazione di -4,9% rispetto alla settimana precedente (15,9%).
“Il sottolignaggio XBB1.5” di Sars-CoV-2 “è attualmente presente solo a livelli molto bassi nell’Unione europea/Spazio economico europeo, ma potrebbe diventare dominante nell’Ue/See nei prossimi mesi”. Lo sottolinea Andrea Ammon, direttrice del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, l’Ecdc.
A cura di Silvia Camerini – Foto Imagoeconomica

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui